‘A carn’ animale e quella umana

Risultati immagini per LE fotografiE-ferdinando-scianna/‘A carn’ animale, squartata, purtata ncopp’e spalle d’o garzone d’o macellaio e ‘a carne umana ‘e femmena. Essa, ‘a figliola, tene i capelli scuri e ‘a faccia soja è assaie bella e forse si chiama Carla: ‘ncuollo tene ‘nu vestito ‘nfuso, spugnato d’acqua che la fascia e l’avvolge ‘o cuorp’ ‘e carn’ fresche e desiderabile; se vedeno e ‘e zizze, non esagerate ma bell’ chiene chiene comme ‘na botte chin’e vino. Ce stamm’ spisso a dumanna qual’è a differenza tra la carne animale e quella umana. Quella animale da piccoli ci insegnano a mangiarla, quella umana ad amarla. Molto spesso non è così, ma è la vita, ci dice il disco. Quando, in modalità parossistica, non uccidiamo la carne umana con molta ferocia, la mangiamo. E la mangiamo, in senso metaforico, quando la amiamo, ma al di là del raccapriccio, accade però che partendo dall’innamoramento, e cibandosi dell’amore, ne mangiamo, con violenza e ferocia, persino i resti. A parte la pelle e persino le ossa, ma l’odio. La carne animale e quella umana sembrano agli antipodi dell’anima, perché alla base, almeno così ci dicono, c’è come muro e spartiacque, l’anima, la quintessenza dell’invisibilità e di una presunta superiorità e, differenza qualitativa. Pro umana.

Annunci
‘A carn’ animale e quella umana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...