Eh, si, Aria, mi chiamo Lello e come dici tu, sono bellissimo. Ho l’epilessia, perciò accarezzami e stringimi tre volte di più

Risultati immagini per cani spitz ungheresi

Aria Mich, grazie, e perdonami se il tuo complimento mi ha donato un momento di felicità, figurati che mi sono talmente entusiasmato che la mia coda scodinzolava senza che le dicessi niente, mentre la testa mi girava e scusami se abbaio anche tanto quando qualcuno viene a trovarmi e poi va via. Forse è stata una felicità passeggera, però l’ho apprezzata molto. sai, sono malato e i complimenti, le carezze e le cose tipo lisciate, carezze ed effusioni mi piacciono molto: figurati che non riesco a trattenere la pipì tanta è l’emozione: sono davvero imperdonabile, perciò ti rinnovo le mie scuse. Porta un po’ di pazienza. Capisco che non dovrei cascarci, ma mi si scombino tutto. La Dott. Miriam ha detto che ho l’epilessia. E da due settimana la mia famiglia umana mi dà la medicina. Ora ti saluto e quando avrò qualcosa nel cuore, nelle zampe, nella lingua, nei salti e nel pelo folto ti scriverò. Volevo anche dirti che quando mi viene la crisi vedo chi mi sta vicino lontano così tanto che ho paura e frecce e lampi corrono nel mio cervello e sento freddo. E perdonami ancora se ti accoglierò a modo mio.

 

Eh, si, Aria, mi chiamo Lello e come dici tu, sono bellissimo. Ho l’epilessia, perciò accarezzami e stringimi tre volte di più

Quel figlio di cagna del mio cane Lello

Risultati immagini per foto di cani spitz

Quel figlio di cagna del mio cane Lello quando cucciolo lo portarono a casa, all’inizio cioè, non era il mio cane: lo è diventato subito dopo. E fin da piccolo, per fargli fare i suoi bisogni su una traversa assorbente, gli davamo come premio piccole porzioni di barrette che compriamo in un negozio per cani e che chiamiamo biscottini. Prima di iniziare a scrivere ero in cucina a pulire la pipì che ha fatto sul pavimento. Mentre nei giorni scorsi ha fatto cacca e pipì in giro per casa, precisamente tra l’entrata, la cucina e il soggiorno. Cosa sarà mai successo? Come mai ora Lello Spitz non riconosce la traversa assorbente?

Lello è affetto da epilessia. Una decina di giorni fa la Dott. dell’ambulatorio di veterinaria ha confermato ciò che accadde tempo addietro. Il primo episodio capitò circe  tre mesi fa. E dopo tre mesi la crisi si è ripetuta, per cui, ciò ha confermato la prima diagnosi. Ci sono state varie crisi, precisamente una ogni due ore circa e  per due notti di fila. Vedremo …

Quel figlio di cagna del mio cane Lello

Napoli velata, titolo del film di Ferzan Ozpetek che finora non ho visto …

Risultati immagini per Il cristo velato

Napoli velata è il titolo del film di Ferzan Oztepek che finora non ho ancora visto e di cui non scriverò, ma ne scriverò in work progress continuando a non vederlo e a recensirlo indirettamente … penso ai ragazzi che passeggiano in strada e senza aver fatto niente vengono accoltellati, picchiati e derubati o colpiti da pallottole vaganti da altri ragazzi.

Risultati immagini per ragazzi nelle strade di napoli

Criature mascule e femmene ‘e tant’ann’ fa: forse erano nei ’40, nei ’50 o forse nei ’60 …

Risultati immagini per ragazzi nelle strade di napoli

Napule ca scenne npiazza contr’a violenza d’o cchiù forte ca guappo s’atteggia a padrone.

Immagine correlata

‘E vedite a sti cinc’ scugnezzilli pelle e ossa e ndurat’ come spighe di grano d’o sole ve guardano e rideno. Ma pecché avessano chiagnere? Signurì ma che dicite. Loro penzano a pazzià: a vita lloro è ‘na pazzia ogni santo giorno. Vedite, dietro di loro, appoggiato al muro ce sta ‘nu carruocelo ‘e legno e a funicella e cu ‘e rrote di acciaio o di legno. ‘O carruocelo è na tavulella alle cui estremità sotto si montano quattro cuscinetti di acciaio. Dopo di che ci si mette in due o tre sopra e ci si lancia da sopra una discesa a rotta di collo. Allora sta guagliunera penza ‘o carruocelo e a se vedè tutti quanti insieme e buttarsi giù incontro ai pericoli lungo i vicoli di tutte le strade dei quartieri d’a città.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli velata fa pensare al Cristo velato almeno per due motivi: il Cristo dei cattolici e quello artistico senza essere cattolici e credenti; e, poi, le parole: velo, velato e velata.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli Gomorra:24, 25 e 26 corrente mese a vedere a casa le puntate della serie Gomorra. Napoli velata, cioè la città di notte, il buio che aiuta chi deve imporre e nascondere ricatti, misfatti e omicidi.

Risultati immagini per foto delle stese nelle strade di napoli

Risultati immagini per foto delle stese nelle strade di napoli

Risultati immagini per foto delle stese nelle strade di napoli

Napoli in Tv: Natale in casa Cupiello. I guaglioni con le barbe dentro la serie Gomorra e l’interno della casa(teatrale e reale)dei Cupiello il cui figlio non ha né arte né parte che ripetutamente dice al padre che il presepe non gli piace e vuole il zuppone di latte.

Immagine correlata

Napoli Malacqua(Malacqua, il titolo di un libro diventato negli anni un cult) del giorno 27 corrente mese in cui il cielo è compatto con le sue nuvole grige e bianche che quasi ferisce gli occhi e tira vento e chiov’ a zeffunno. ‘O mare è forza sette, sta comm’a ‘nu pazz’:agitatissimo e te dice: -Barche, motoscafi e traghetti nun ascite ca a mare nun ce stanno taverne.-Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli sotterranea e quella degli amori clandestini di donne giovani e meno giovani che di nascosto, al buio, lungo le scale del palazzo o in qualche stanza d’albergo rubano ore agli amori che in un modo o nell’altro non riescono a tagliare il cordone ombelicale.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli degli amori persi. Napoli che dimentica se stessa perché dappertutto vive. Napoli senza vie d’uscite eppure Napoli è stata costruita in maniera d’avere sempre una scappatoia un vicolo che porta in un’altra vita o dentro i palazzi a spuntatora in cui entri da una parte ed esci in tutt’altra via.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli che si serve di Natale in casa Cupiello e della disperazione tetra della serie Gomorra. O dei suoi personaggi. O dei personaggi reali che guardano la serie Gomorra.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRINapoli ‘ncopp’a scesa addò sta Capa ‘e Fierr ca vott’a acqua a stagione quann’o sole spcca ‘e prete ma pure a vierno ca mettenno a vocca a sotto gela i denti e te porta all’inferno. Napoli senza ascensore addò a gente s’acconcia ‘o vascio pe’ nun gghì dint’a periferia. Napoli cu ‘e televisione a 660 pollici. E stereofonici. Napoli ca nun canta e butta via i cazettielli bucati. Napoli ca ti abboffa di passaporti pe’ terra, pe’ cielo e pe’ jttà ‘o sang’.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli e ‘o juoco d’e tre carte. Napoli ca joca ‘a pallone mmiez’a via e ogni vicolo e piazza. Napoli ca joca ‘ mmar’. Napoli d’o contrabbando. Napoli addò se venneno i mezzuni ‘e sigaretta. Napoli diceno ‘e guagliuni ‘e ncopp’e Quartieri Spagnoli: – Mericà ferniscela ‘e fa ‘a lota. Mericà puos’ ‘e sorde e vattenn’. Mericà soreta becc. E mammeta è ‘na zoccola.-

Immagine correlata

Napoli ‘na cartulina. E ‘a cartulina ‘e Napule. Napoli che deve essere così come la vogliono gli altri. Napoli che s’adda movere dint’a nu recinto, nu zoo chiammato Napoli compreso ‘o stadio San Paolo e ‘a squadra ‘e pallone d’o Napoli di Sivori, Canè, Maradona, Hamsik e Insigne.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule cartulina ‘ngailluta. Napule e ll’albero di pino. Napiule vista ‘a ‘ncoppa ‘a cullina.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule cu ‘a luna chiena. Napule cu ‘o Vesuvio ca sfummechea. Napule varca a vela.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule dint’e viscere d’a terra. Napule ca dice: – Lassa chello ca sii e scinne cu mme.-

Immagine correlata

Napule d’e piscature. Napule oro e argiento. Napule ‘nu suspiro ca trase e jesce d’o core.

Immagine correlata

Napoli di Giacomo ‘o scartellato: ‘o poeta ca solo a Napoli si guardava allo specchio reale e crudo. Isso ca in certi omenti amava e odiava ‘a gente ‘e Napule: ccà sta ‘a tomba soja.

Risultati immagini per a fenestella di marechiaro

‘A fenestella ‘e Marechiaro. Napule d’a vavosa, ‘o scuorfono, ‘o marvizzo e ‘o pinta a rre.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule d’e ‘nnammurate. Napule d’e guagliunciell’ ‘e tridece anni ca già fanno i figli.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule ‘na partita ‘e carte fora ‘o vascio, fora ‘a puteca, fora ‘o mare, fora ‘a  Ferrovia.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli tengo ‘a pelle toja sempe ncopp’a mia comme ‘e ‘nnammurate quann’ ‘o desiderio ll’appicce ll’anema. E a parlà song’ ‘e mmane, ‘e bracce, ‘e vocche, ‘e lengue e ‘o cor’.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Totò, ‘o principe, figlio verace di questa città. Essa, Napule, pure senza vulè, ‘a puort’ sempre dentro specie quando te ne vai via. Napule esce fora quann’ te fai ll’anales’ ‘e sang’. Nun è nu marchio: è sulamente ‘a condizione ‘e ll’anema toja: sta dint’a tte: semp’

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule ‘ e Carulina. A ll’angolo d’o vico venn’ caramelle e s’addurment’ sunnann’ i figli.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

I vasci e l’economia dei vicoli. Ed è l’economia del vicolo che soccombe e nuove forme di lavoro prendono il posto di quelle messe in crisi dalle trasformazioni della globalizzazione. E i vasci che spesso sono casa e bottega di scarpe, fiori finti e borse devono arrendersi e inventarsi nuovi lavori o semplicemente vendere sigarette, gomme da masticare, caramelle, cioccolatini e pastarelle e fumo e eroina e cocaina e sintetiche. E i vasci come sedi dei disoccupati organizzati nati agli inizi degli anni ’70 e mai finiti …

 

Napoli cu ll’uocchie velat’, comme si nun vedesse niente, o vede e fa finta ‘e niente. ‘A vita è ‘nu velo e nello stesso momento niente. Si soffre e si chiacchiera, ma non è vero niente. Questo succede quando le cose della vita e la vita stessa sono troppo, troppo vere.

Risultati immagini per FOTO DI EDUARDO DE FILIPPO

Sto ccà

Sto ccà, Isabè, sto ccà…
Ch’è, nun me vide?
Già, nun me può vedé…
ma stongo ccà.
Sto mmiez’ ‘e libre,
mmiez’ ‘e ccarte antiche,
pe’ dint’ ‘e tteratore d’ ‘o cummò.
Me truove quann’ ‘o sole tras’ ‘e squinge
se mpizz’ ‘e taglio
e appiccia sti ccurnice
ndurate
argiento
grosse e piccerelle
‘e lignammo priggiato –
acero
noce
palissandro
mogano –
pareno fenestielle e fenestelle
aperte ncopp’ ‘o munno…
Me truove quann’ ‘o sole se fa russo
primmo ca se ne scenne aret’ ‘e pprete
ndurann’ ‘e rame ‘e ll’albere
e se mpizza
pe’ mmiez’ ‘e fronne,
pe se fa guardà.
Si no, me può truvà, scurato notte,
rint’ a cucina
p’arrangià caccosa:
na puntella ‘e furmaggio,
na nzalata…
chellu ppoco
ca te supponta ‘o stommeco
e te cucche.
Primmo d’ ‘a luce ‘e ll’alba
po’
me trouve a ttavulino,
c’ ‘a penna mmiez’ ‘ ddete
e ll’uocchie ncielo
pensanno a chello ca t’aggio cuntato
e ca nun aggio scritto
e ca
va trova
si nun è stato buono
ca se songo perduto sti penziere
distratte
e stanche d’essere penzate
che corrono pe’ ll’aria nzieme a me.
E si guarde pe’ ll’aria
po’ succedere
ca si ce stanno ‘e nnuvole
me truove.
‘O viento straccia ‘e nnuvole
e comme vene vene,
e può truva ciert’uoccie
ca te guardeno
sott’ ‘a na fronta larga larga
e luonga
e ddoje fosse scavate…
‘e può truvà.

Eduardo De Filippo

Napoli velata, titolo del film di Ferzan Ozpetek che finora non ho visto …

Ritratti. (E infatuazioni.) Foto di donne sulle copertine di due romanzi d’amore, forse. Che cretino: non ho letto le sinossi e mi sono fidato, e affidato alle immagini

Ecco, vedo che ve la ridete. Meglio i vostri sguardi incuriositi e gli occhi ammiccanti.

Risultati immagini per le donne nei quadri

E tu Proserpina nel tuo vestito regale e rosso, gli occhi dolci tra gli anelli e gli orecchini.

Risultati immagini per le donne nei quadri

Oh Lena madonna in posa che in basso mirano gli occhi e la bocca chiusa tra le labbra.

Risultati immagini per LE DONNE NELLE FOTOGRAFIE

Discutere tra voi è cosa viva e bella quando parlate di capelli castani, rossi, biondi e neri.

Immagine correlata

Antonietta tra le sue amiche è la più giovane e ammira estasiata l’incidere di Leonardo.

Risultati immagini per quadri di donne

Miranda e Virginia, sorelle gemelle, le differenziano gli occhi, i capelli e i dolci sorrisi.

Risultati immagini per quadri di donne

. Vittoria ha il foulard azzurro attorno al collo, una mano alla panchina e l’altra sotto il mento. E seduta legge la vita e gli uomini guardando lontano nelle veste lunga e le foglie.

Risultati immagini per le donne nei quadri

Eva, la testa inclinata, la mano destra a reggere il mento, i capelli rame e i grandi occhi.

Risultati immagini per quadri di donne

Giuditta, spalle nell’acqua, regge ancora i fiori nella mano destra: volto di luce bianca; gli occhi e le labbra aperte forse in sonno di morte o di sonno apparente o di un addio di sé.

Risultati immagini per quadri di donne

Ada la donna pittrice: imprime la sua visione le parole del cuore nel silenzio della tela.

Risultati immagini per quadri di donne

Appena le ho viste, intendo le copertine di due libri, che raffiguravano due donne, subito, seduta stante, (e in piedi) me ne sono innamorato e ho pensato di andare in libreria e comprare entrambi i libri soltanto perché mi avevano affascinato i volti e le pose delle donne ritratte. Ho pensato, tra l’altro, che le due donne nemmeno si conoscevano né mai si sarebbero incontrate e io solo perché mi piacevano le ho messe insieme nei miei pensieri, nel cuore della fantasia. Ma è la prima volta che non ho pensato al contenuto dei due libri: ero entusiasta dalle immagini delle due donne, soltanto perché, le due donne, semplicemente, nelle loro rispettive pose, mi attiravano. Possibile che avrei comprato quei due libri solo per le immagini in copertina? Erano immagini spinte? Assolutamente no. Intrigavano si, in quelle loro pose piene del loro essere persino misteriose. Ne farò anche due foto da mettere sul comodino. Le cercherò e confesserò l’amore e la passione sbocciati. Per entrambe. Ammiro la bellezza delle donne e sono uno che tradisce la fidanzata, la mogli e l’amante per due immagini? Come si fa a ripararsi(o a non bagnarsi) anche con l’impermeabile e l’ombrello da una sola goccia di pioggia quando piove copiosamente dritto, e fitto, di traverso, e sottile assai assai schizzechea?

Ritratti. (E infatuazioni.) Foto di donne sulle copertine di due romanzi d’amore, forse. Che cretino: non ho letto le sinossi e mi sono fidato, e affidato alle immagini

La terra … che brucia la bellezza

Risultati immagini per panorami surreali

A vista d’occhio, quell’anno, la terra bruciava

Quell’anno, specie in agosto, fu rovente.

E terribile. Un ferro sulla carne viva. La pelle

Puzzava di dolore dolciastro. E, morivano.

A centinaia. A migliaia. Morivano.

Il fuoco s’appiccava di pazze macchie.

I campi arsi, secchi, bruciavano. I viottoli.

I paesi. Le città bruciavano, i quartieri vecchi

forni crematori, bruciavano. Gli animali,

anche quelli domestici, gli arnesi,

le suppellettili, gli uomini. Bruciavano.

E le stazioni di benzina scoppiavano

sotto e sopra il cielo, nero per il fumo.

E, bruciava la terra pavimentata.

Perché la terra quando è pavimentata

sparisce, diventa altra cosa, finché non

ritorna la natura con le sue caratteristiche

animalesche, con arte e parte di sé.

E bruciavano i piedi. Con le sue alte lingue,

bruciava l’orizzonte lontano. La sete e l’arsura

bruciavano bocca e gola. Bruciava l’acqua.

E a guardare vicino e poco più lontano, adesso

bruciava l’intera linea dell’orizzonte,

si districavano a fatica tra non visibilità

e incendio. E bruciavano, e ardevano esausti,

gli occhi, senza sguardo.

La terra … che brucia la bellezza

‘A cazzimma tra rumanz’, cunti e poesia. A detta di molti della ristretta cerchia dei letterati o comunque di nicchia nel senso che non è la massa proletaria e nazional-popolare che dice: -Leggetevi questo Aleksandr Sergeevic Puskin che lui è la madre e il padre di tutta la schiatta dei poeti e degli scrittori russi da Dostoevskij a Tolstoj, Cechov, Gogol Turgenev ecc.-

Immagine correlata

Così adesso ho comprato e sto leggendo in e book La donna di picche(si legge in poco tempo)

La donna di picche

e di seguito: Le novelle del defunto Ivan Petrovic Belkin

Le novelle del defunto Ivan Petrovic Belkin

e poi La figlia del Capitano,

La figlia del capitano

mentre Eugene Onegin, se non mi faccio prendere dall’ansia e dalla fretta, lo leggerò per ultimo. Non voglio morire pensando che mi sono lasciato scivolare via il più bravo degli scrittori russi che bazzicavano, vuoi o non vuoi, tra Mosca e Pietroburgo. Che io una volta mi ero fissato che volevo andare a Pietroburgo e farmi scattare delle foto che poi quando ritornavo a Napoli dicevo:- Tiè. Guardate dove sono stato. E da ora in poi sappiate che ho respirato l’aria e guardato il cielo di Mosca e di Pietroburgo. Perciò devo arrevotare dinto e fora ciò che ha scritto Aleksandr Sergeevic Puskin. E me ‘n’aggia vedè bene. Quann’ero piccirillo me dicevano che se andavo a lavorare mi dovevo arrubbà ‘o mestiere cu ll’uocchie, cu ‘e mmane e cu ll’anema senza nisciuna pietà. E ‘a cazzimma. –

‘A cazzimma tra rumanz’, cunti e poesia. A detta di molti della ristretta cerchia dei letterati o comunque di nicchia nel senso che non è la massa proletaria e nazional-popolare che dice: -Leggetevi questo Aleksandr Sergeevic Puskin che lui è la madre e il padre di tutta la schiatta dei poeti e degli scrittori russi da Dostoevskij a Tolstoj, Cechov, Gogol Turgenev ecc.-

Ritratti. La famiglia E. Binelli – M. Caozzi

Risultati immagini per CARTIER BRESSON

Risultati immagini per CARTIER BRESSON

Risultati immagini per CARTIER BRESSON

Risultati immagini per CARTIER BRESSON

Di Ernesto Binelli padre si parla molto bene. Della prima figlia, cioè Gina, si parla molto male. Della seconda figlia, cioè Luigia, si sente poco e niente. Dei due figli maschi, cioè Michele e Sandrino arrivano echi solo alla lontana mentre si prende una curva. Di Marisa Caozzi, la moglie di Ernesto Binelli e madre di quei quattro, si sono perse quasi le tracce, però si è saputo che vive con un pulitore di scale. Ogni tanto Marisa telefona a  Sandrino per dirgli che ha finito i soldi e per quella cosa deve aspettare la fine del mese.

Ritratti. La famiglia E. Binelli – M. Caozzi

Leggi alla parola fraintendersi o libera interpretazione alle h. 16.00, mentre splende ancora il sole

Risultati immagini per quadri di paesaggi inquietanti

Risultati immagini per quadri di paesaggi inquietanti

Immagine correlata

Risultati immagini per quadri di paesaggi inquietanti

Immagine correlata

Risultati immagini per annibale carracci

Risultati immagini per i quadri più belli

Fraintendersi … è una parola in uso tra anime che si rincorrono e ad ogni incontro fanno di tutto per non volersi capire o meglio, denudare: denudarsi senza spogliarsi, perché anime che corrono insieme nel cielo assolata e nell’oscurità della notte sanno, sanno quel che provano. Troppo, troppo grande quel che si prova solo a guardarsi, e respirare. E tutto ciò che si prova e che lacera è sceso laggiù nel pozzo e rimarrà nel buio, al freddo. Ma c’è questa maledetta parola che è nata per allontanarci. Ti amo. E credo fermamente che anche tu ami solo me. L’amore non si nasconde solo dietro le nuvole nere. Il nostro amore è offuscato dalle nostre invisibili anime. E ormai sappiamo destinato a morire. E morirà in solitudine. Prima nel tuo cuore. Anche nel mio, taciturno, tenuto in catene.

Leggi alla parola fraintendersi o libera interpretazione alle h. 16.00, mentre splende ancora il sole