Napoli velata, titolo del film di Ferzan Ozpetek che finora non ho visto …

Risultati immagini per Il cristo velato

Napoli velata è il titolo del film di Ferzan Oztepek che finora non ho ancora visto e di cui non scriverò, ma ne scriverò in work progress continuando a non vederlo e a recensirlo indirettamente … penso ai ragazzi che passeggiano in strada e senza aver fatto niente vengono accoltellati, picchiati e derubati o colpiti da pallottole vaganti da altri ragazzi.

Risultati immagini per ragazzi nelle strade di napoli

Criature mascule e femmene ‘e tant’ann’ fa: forse erano nei ’40, nei ’50 o forse nei ’60 …

Risultati immagini per ragazzi nelle strade di napoli

Napule ca scenne npiazza contr’a violenza d’o cchiù forte ca guappo s’atteggia a padrone.

Immagine correlata

‘E vedite a sti cinc’ scugnezzilli pelle e ossa e ndurat’ come spighe di grano d’o sole ve guardano e rideno. Ma pecché avessano chiagnere? Signurì ma che dicite. Loro penzano a pazzià: a vita lloro è ‘na pazzia ogni santo giorno. Vedite, dietro di loro, appoggiato al muro ce sta ‘nu carruocelo ‘e legno e a funicella e cu ‘e rrote di acciaio o di legno. ‘O carruocelo è na tavulella alle cui estremità sotto si montano quattro cuscinetti di acciaio. Dopo di che ci si mette in due o tre sopra e ci si lancia da sopra una discesa a rotta di collo. Allora sta guagliunera penza ‘o carruocelo e a se vedè tutti quanti insieme e buttarsi giù incontro ai pericoli lungo i vicoli di tutte le strade dei quartieri d’a città.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli velata fa pensare al Cristo velato almeno per due motivi: il Cristo dei cattolici e quello artistico senza essere cattolici e credenti; e, poi, le parole: velo, velato e velata.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli Gomorra:24, 25 e 26 corrente mese a vedere a casa le puntate della serie Gomorra. Napoli velata, cioè la città di notte, il buio che aiuta chi deve imporre e nascondere ricatti, misfatti e omicidi.

Risultati immagini per foto delle stese nelle strade di napoli

Risultati immagini per foto delle stese nelle strade di napoli

Risultati immagini per foto delle stese nelle strade di napoli

Napoli in Tv: Natale in casa Cupiello. I guaglioni con le barbe dentro la serie Gomorra e l’interno della casa(teatrale e reale)dei Cupiello il cui figlio non ha né arte né parte che ripetutamente dice al padre che il presepe non gli piace e vuole il zuppone di latte.

Immagine correlata

Napoli Malacqua(Malacqua, il titolo di un libro diventato negli anni un cult) del giorno 27 corrente mese in cui il cielo è compatto con le sue nuvole grige e bianche che quasi ferisce gli occhi e tira vento e chiov’ a zeffunno. ‘O mare è forza sette, sta comm’a ‘nu pazz’:agitatissimo e te dice: -Barche, motoscafi e traghetti nun ascite ca a mare nun ce stanno taverne.-Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli sotterranea e quella degli amori clandestini di donne giovani e meno giovani che di nascosto, al buio, lungo le scale del palazzo o in qualche stanza d’albergo rubano ore agli amori che in un modo o nell’altro non riescono a tagliare il cordone ombelicale.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli degli amori persi. Napoli che dimentica se stessa perché dappertutto vive. Napoli senza vie d’uscite eppure Napoli è stata costruita in maniera d’avere sempre una scappatoia un vicolo che porta in un’altra vita o dentro i palazzi a spuntatora in cui entri da una parte ed esci in tutt’altra via.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli che si serve di Natale in casa Cupiello e della disperazione tetra della serie Gomorra. O dei suoi personaggi. O dei personaggi reali che guardano la serie Gomorra.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRINapoli ‘ncopp’a scesa addò sta Capa ‘e Fierr ca vott’a acqua a stagione quann’o sole spcca ‘e prete ma pure a vierno ca mettenno a vocca a sotto gela i denti e te porta all’inferno. Napoli senza ascensore addò a gente s’acconcia ‘o vascio pe’ nun gghì dint’a periferia. Napoli cu ‘e televisione a 660 pollici. E stereofonici. Napoli ca nun canta e butta via i cazettielli bucati. Napoli ca ti abboffa di passaporti pe’ terra, pe’ cielo e pe’ jttà ‘o sang’.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli e ‘o juoco d’e tre carte. Napoli ca joca ‘a pallone mmiez’a via e ogni vicolo e piazza. Napoli ca joca ‘ mmar’. Napoli d’o contrabbando. Napoli addò se venneno i mezzuni ‘e sigaretta. Napoli diceno ‘e guagliuni ‘e ncopp’e Quartieri Spagnoli: – Mericà ferniscela ‘e fa ‘a lota. Mericà puos’ ‘e sorde e vattenn’. Mericà soreta becc. E mammeta è ‘na zoccola.-

Immagine correlata

Napoli ‘na cartulina. E ‘a cartulina ‘e Napule. Napoli che deve essere così come la vogliono gli altri. Napoli che s’adda movere dint’a nu recinto, nu zoo chiammato Napoli compreso ‘o stadio San Paolo e ‘a squadra ‘e pallone d’o Napoli di Sivori, Canè, Maradona, Hamsik e Insigne.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule cartulina ‘ngailluta. Napule e ll’albero di pino. Napiule vista ‘a ‘ncoppa ‘a cullina.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule cu ‘a luna chiena. Napule cu ‘o Vesuvio ca sfummechea. Napule varca a vela.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule dint’e viscere d’a terra. Napule ca dice: – Lassa chello ca sii e scinne cu mme.-

Immagine correlata

Napule d’e piscature. Napule oro e argiento. Napule ‘nu suspiro ca trase e jesce d’o core.

Immagine correlata

Napoli di Giacomo ‘o scartellato: ‘o poeta ca solo a Napoli si guardava allo specchio reale e crudo. Isso ca in certi omenti amava e odiava ‘a gente ‘e Napule: ccà sta ‘a tomba soja.

Risultati immagini per a fenestella di marechiaro

‘A fenestella ‘e Marechiaro. Napule d’a vavosa, ‘o scuorfono, ‘o marvizzo e ‘o pinta a rre.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule d’e ‘nnammurate. Napule d’e guagliunciell’ ‘e tridece anni ca già fanno i figli.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule ‘na partita ‘e carte fora ‘o vascio, fora ‘a puteca, fora ‘o mare, fora ‘a  Ferrovia.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napoli tengo ‘a pelle toja sempe ncopp’a mia comme ‘e ‘nnammurate quann’ ‘o desiderio ll’appicce ll’anema. E a parlà song’ ‘e mmane, ‘e bracce, ‘e vocche, ‘e lengue e ‘o cor’.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Totò, ‘o principe, figlio verace di questa città. Essa, Napule, pure senza vulè, ‘a puort’ sempre dentro specie quando te ne vai via. Napule esce fora quann’ te fai ll’anales’ ‘e sang’. Nun è nu marchio: è sulamente ‘a condizione ‘e ll’anema toja: sta dint’a tte: semp’

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

Napule ‘ e Carulina. A ll’angolo d’o vico venn’ caramelle e s’addurment’ sunnann’ i figli.

Risultati immagini per LE STRADE DI NAPOLI NEI QUADRI

I vasci e l’economia dei vicoli. Ed è l’economia del vicolo che soccombe e nuove forme di lavoro prendono il posto di quelle messe in crisi dalle trasformazioni della globalizzazione. E i vasci che spesso sono casa e bottega di scarpe, fiori finti e borse devono arrendersi e inventarsi nuovi lavori o semplicemente vendere sigarette, gomme da masticare, caramelle, cioccolatini e pastarelle e fumo e eroina e cocaina e sintetiche. E i vasci come sedi dei disoccupati organizzati nati agli inizi degli anni ’70 e mai finiti …

 

Napoli cu ll’uocchie velat’, comme si nun vedesse niente, o vede e fa finta ‘e niente. ‘A vita è ‘nu velo e nello stesso momento niente. Si soffre e si chiacchiera, ma non è vero niente. Questo succede quando le cose della vita e la vita stessa sono troppo, troppo vere.

Risultati immagini per FOTO DI EDUARDO DE FILIPPO

Sto ccà

Sto ccà, Isabè, sto ccà…
Ch’è, nun me vide?
Già, nun me può vedé…
ma stongo ccà.
Sto mmiez’ ‘e libre,
mmiez’ ‘e ccarte antiche,
pe’ dint’ ‘e tteratore d’ ‘o cummò.
Me truove quann’ ‘o sole tras’ ‘e squinge
se mpizz’ ‘e taglio
e appiccia sti ccurnice
ndurate
argiento
grosse e piccerelle
‘e lignammo priggiato –
acero
noce
palissandro
mogano –
pareno fenestielle e fenestelle
aperte ncopp’ ‘o munno…
Me truove quann’ ‘o sole se fa russo
primmo ca se ne scenne aret’ ‘e pprete
ndurann’ ‘e rame ‘e ll’albere
e se mpizza
pe’ mmiez’ ‘e fronne,
pe se fa guardà.
Si no, me può truvà, scurato notte,
rint’ a cucina
p’arrangià caccosa:
na puntella ‘e furmaggio,
na nzalata…
chellu ppoco
ca te supponta ‘o stommeco
e te cucche.
Primmo d’ ‘a luce ‘e ll’alba
po’
me trouve a ttavulino,
c’ ‘a penna mmiez’ ‘ ddete
e ll’uocchie ncielo
pensanno a chello ca t’aggio cuntato
e ca nun aggio scritto
e ca
va trova
si nun è stato buono
ca se songo perduto sti penziere
distratte
e stanche d’essere penzate
che corrono pe’ ll’aria nzieme a me.
E si guarde pe’ ll’aria
po’ succedere
ca si ce stanno ‘e nnuvole
me truove.
‘O viento straccia ‘e nnuvole
e comme vene vene,
e può truva ciert’uoccie
ca te guardeno
sott’ ‘a na fronta larga larga
e luonga
e ddoje fosse scavate…
‘e può truvà.

Eduardo De Filippo

Napoli velata, titolo del film di Ferzan Ozpetek che finora non ho visto …

10 pensieri su “Napoli velata, titolo del film di Ferzan Ozpetek che finora non ho visto …

    1. Quasi sempre, stranamente, è una recita … realistica. Quasi da non credere … ma poi la bravura e le circostanze prendono il sopravvento. Di certo Kafka avrebbe scritto dieci volte di più rispetto a ciò che ha prodotto. Forse Kafka avrebbe avuto, finalmente, l’occasione di salire sul palco del teatro di strada.

      "Mi piace"

    1. In una scena di un racconto … vidi mio padre, mai conosciuto così come lo stesso Kafka, che si parlavano e il tutto avvenne in un ospedale nei sottoscala dove c’erano le caldaie e le tubature dei riscaldamenti che correvano nella semi oscurità. Entrambi avevano problemi polmonari, sudavano, ma continuavano a discute. Feci capire loro, annuendo, che dovevano salire in reparto, tra l’altro, li stavano cercando due infermieri, ma dissero tra loro che stavano cercando Migliaccio Michele, l’abusivo che vendeva sigarette di contrabbando.

      "Mi piace"

  1. pagina affascinante e struggente allo stesso tempo, Napoli la conosco -non benissimo- perchè ci sono stato alcune volte e poi ho un sacco di amici napoletani che in qualche modo trasmettono tutta la teatralità (nell’accezione più alta del termine) dell’essere napoletani. Una città, credo unica, nel bene e ahimè nel male, caleidoscopica, avvincente, a tratti esagerata ma tremendamente affascinante. Personaggi come Totò, De Filippo o Troisi non potevano che nascere a Napoli, sono convinto che la loro grandezza in buona parte è proprio dovuta a quelle origini.

    Piace a 1 persona

    1. Sarino, ti ringrazio per le tue parole accorate e condivisibili. Certo, anch’io spesso mi scontro e mi arrabbio su varie cose della vita quotidiana della mia città. Eduardo De Filippo negli ultimi anni della sua vita spesso, affranto e scoraggiato, diceva: – Fujtevenne.- Anch’io ho pensato a un passaggio del genere. Ma poi? Quante volte con amici in palestra o in altri ambiti o con gente conosciuta in fila alla posta si discute delle grandi potenzialità di Napoli per poi finire la discussione allargando le braccia, sospirando e disperandosi. E Napoli in mano a chi rimarrebbe? E i giovani che se ne vanno sono davvero molti. E così quelli che né studiano né lavorano. A livello sociale così come in altre cose siamo sempre indietro di anni. Evidentemente a qualcuno fa comodo tale situazione. Praticamente c’è una forza …(o un concorso di forze) che vuole Napoli si dibatta nei suoi problemi. Dove ci sono problemi ci sono interessi. Su cui lucrare. Conosco alcuni ragazzi che vengono in palestra che mi hanno raccontato che lavorano chi in un ristorante chi in un altro e sai dopo aver lavorato per circa dieci ore al giorno quanto guadagnano? 30, 35 o addirittura anche con 40. E i soldi con cui vengono pagati questi ragazzi non sono quelli che sgancia il proprietario dalla sua cassa, ma quelli delle mance. E’ solo un esempio di un piccolo granello … ma questi granelli stanno diventato troppi e non riescono a riconoscersi tra loro. E peggio ancora a mettersi insieme per difendersi. E non elemosinare. E non rivolgersi a nessuno protettore o santo. Si va in ordine sparso e non si va affatto, anzi, si rimane nell’acqua torbida della non dignità. Ho cercato solo di mettere un altro tassello al post. E grazie ancora per il tuo passaggio.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...