Una canzone è anche un amore finito. Prima era poesia, poi la foglia cade nella vita. Essa cova nuovi amori e inciampi. L’amore scolora le stagioni, le emozioni, gli entusiasmi e non ha più vita né anima. E solo la farfalla che giace lieve e inerte.

Risultati immagini per quadri di amori che scoloranoImmagine correlataImmagine correlata

Una canzone è anche un amore finito. Prima era poesia, poi la foglia cade nella vita. Essa cova nuovi amori e inciampi. L’amore scolora le stagioni, le emozioni, gli entusiasmi e non ha più vita né anima. E solo la farfalla che giace lieve e inerte.

Con un po’ di fantasia sul muro eccoli qua

5875

Ho sette anni: da due anni sono orfano.

Nemmeno conoscevo questa parola.

Però, la vedevo negli amici dei vicoli.

Chi non aveva la mamma chi il papà.

Ci sono quelli che non hanno nessuno.

Mi chiamo … non ricordo il mio nome.

Faccio parte di quelli che hanno ancora

di quelli che non si sono del tutto convinti:

con un po’ di fantasia (il muro) eccoci qua,

 

insieme.

Con un po’ di fantasia sul muro eccoli qua

C’è un risvolto nella tua voce, un filo che mi cattura in una struggente malinconia. E non riesco a districarmi come ci riesce l’anima che viaggia nelle storia che leggi. Saranno forse i punti cardinali del cuore nella loro frenesia di silenzio dormiente.

Risultati immagini per fabian perez opereImmagine correlataImmagine correlata

C’è un risvolto nella tua voce, un filo che mi cattura in una struggente malinconia. E non riesco a districarmi come ci riesce l’anima che viaggia nelle storia che leggi. Saranno forse i punti cardinali del cuore nella loro frenesia di silenzio dormiente.

Uno dei miei personaggi, tra l’altro ripreso dalla vita reale della verosimiglianza della realtà, andava in giro millantando d’esser immortale. Sorrisi e chiesi come fosse arrivato a quella conclusione che alla fine era un’apertura sia terrena e sia dell’universo conosciuto e non. Non mi convinse con le sue piccole astruse teorie, però, continuava ad arrampicarsi sugli specchi. E veniva giù a scrosci d’acqua.

Risultati immagini per immagini di giochi di specchiImmagine correlataRisultati immagini per immagini di giochi di specchi

Uno dei miei personaggi, tra l’altro ripreso dalla vita reale della verosimiglianza della realtà, andava in giro millantando d’esser immortale. Sorrisi e chiesi come fosse arrivato a quella conclusione che alla fine era un’apertura sia terrena e sia dell’universo conosciuto e non. Non mi convinse con le sue piccole astruse teorie, però, continuava ad arrampicarsi sugli specchi. E veniva giù a scrosci d’acqua.

La mia gattina dalla pelle olivastra

Risultati immagini per quadri e immagini di gattiRisultati immagini per quadri e immagini di gattiRisultati immagini per quadri e immagini di gattiImmagine correlata

La mia gattina, gelosa e prepotente,  autonoma e dalla pelle olivastra, ha le ciglia e gli occhi scuri ma non certo come un orologio svizzero, semmai dai movimenti flessuosi e  caldi. Si affaccia e subito si struscia, s’alza sulle zampe stiracchiate, scapuzzea, s’ingegna con la testa e si allunga. E fa gli occhi dolci ma anche un po’ aggressivi di forse ha sempre un richiamo da farti. E alza la coda e rimiagola come un canto di fata. Poi inizia il suo personale concerto. E lì l’asino non casca e il cane non mena per l’aia, la cicala zittisce. E il creato in una stanza gira tutt’intorno come in una festa che illuminazione gli occhi.

La mia gattina dalla pelle olivastra

Caro Taccuino, è da un sacco di tempo che mi trovo in questa posa e in verità ti dico che mi sono sfasteriato, ossia scocciato. In questa situazione, probabilmente, mi perdo qualcosa e vorrei sgranchirmi le gambe e la schiena del tutto anchilosate. Eh, poi c’è chi parla di acuta depressione. C’ho pure un po’ di cervicale e quando piove sono dolori.Qui sotto poi mi hanno messo uno sfondo viola, arancione era meglio, nel senso di un colore vivace. Tra me e il tipo sotto dico: -Chi ce lo ha fatto fare di impelagarci in un tale impegno?-

Risultati immagini per immagine della statua dell'uomo che regge il pianeta sulle spalleRisultati immagini per immagine della statua dell'uomo che regge il pianeta sulle spalleRisultati immagini per immagine della statua dell'uomo che regge il pianeta sulle spalle

Caro Taccuino, è da un sacco di tempo che mi trovo in questa posa e in verità ti dico che mi sono sfasteriato, ossia scocciato. In questa situazione, probabilmente, mi perdo qualcosa e vorrei sgranchirmi le gambe e la schiena del tutto anchilosate. Eh, poi c’è chi parla di acuta depressione. C’ho pure un po’ di cervicale e quando piove sono dolori.Qui sotto poi mi hanno messo uno sfondo viola, arancione era meglio, nel senso di un colore vivace. Tra me e il tipo sotto dico: -Chi ce lo ha fatto fare di impelagarci in un tale impegno?-