Merilda, pittata e, il muro prese vita. Scemo mi innamorai come fa il mulo. Lei, intima, aveva lucide pretese. Questo mi fece impazzire. L’amore, sapete, è come l’orizzonte. E ciò convince la lontananza. Mistero è il seno nudo e la croce con cui ti accompagni.

Risultati immagini per quadri di donne impossibili

Immagine correlata

Immagine correlata

 

Merilda, pittata e, il muro prese vita. Scemo mi innamorai come fa il mulo. Lei, intima, aveva lucide pretese. Questo mi fece impazzire. L’amore, sapete, è come l’orizzonte. E ciò convince la lontananza. Mistero è il seno nudo e la croce con cui ti accompagni.

Di soppiatto, solo per vederti, aspettavo.

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

Di soppiatto, solo per vederti, aspettavo.

Ero il gatto sul muricciolo del cancello.

Tu, però, non eri da meno. E aspettavi.

Sorniona, nelle tue movenze, catturavi.

 

Sono giorni questi che il mondo sei tu.

 

E scende la sera con i tuoi occhi di velluto.

Sognarsi e dirsi le cose nel sogno è la vita.

Ci sono giorni che il mondo è la tua bocca.

E non posso farne a meno se non morire.

Di soppiatto, solo per vederti, aspettavo.

In ognuno esiste un alberello di nome e di fatto. E in noi umani le lacrime odorano di resina.

Immagine correlata

Risultati immagini per fotografie di piccoli alberi

Risultati immagini per alberi nell strade di città e paesi

Su uno dei marciapiedi sotto il palazzo dove abito, vidi piantare un piccolo alberello, il precedente fu distrutto l’incendiarono, adesso è cresciuto e a volte fuori al balcone oltre a salutarci ci mettiamo a parlare del più e del meno. Lui mi ha chiesto come mai rispetto agli altri tre delle fila che sono di uguale robustezza e altezza mentre lui è piccolo e magro. Gli ho detto del fuoco che appiccarono a quello prima di lui. Si è messo a piangere e le lacrime odoravano di resina. Lui mi ha chiesto come mi chiamo e così sia di mattina o durante la giornata o di sera ci salutiamo chiamandoci per nome. Lui dice Ciao Armando. E io dico Ciao Birillo. E ridiamo. Lui dice: -Perché sorridi chiamandomi Birillo?-

-Ti chiamo Birillo perché il birillo è un oggetto che sta in piedi ed è sempre in squadra con altri birilli. Con i birilli si giocare su una pista lunga e liscia, quano vanno giù si rialzano e non hanno ferite e non muoiono. I birilli sono messi uno accanto all’altro meccanicamente alla fine di questa pista. Dall’altra parte della pista ci sono due tre quattro giocatori che a turno impugnano una palla nera molto pesante cui sono stati praticati dei buchi per farci entrare le dita della mano destra o sinistra del giocatore. Ogni volta che un giocatore si inarca per dare forza alla palla lanciandola sulla pista cerca di colpire tutta la squadra dei birilli. I quali non sentono dolore quando la palla  ne colpisce uno, due o addirittura quando cade tutta la squadra. Però, è un birillo a cui non viene dato fuoco. Allora Birillo ha sorriso e abbracciandoci ci siamo detti: – A stasera.-

In ognuno esiste un alberello di nome e di fatto. E in noi umani le lacrime odorano di resina.

Piume di tutto il mondo volando unitevi

Risultati immagini per immagine di una piuma che volteggia

Risultati immagini per immagine di una piuma che volteggia

Set trasparente realistico di piume Vettore gratuito

Una piuma, femmina:in verità non saprei dirvi se esista la piuma maschio (per le piume maschi si deve fare tutto un discorso articolato sul piumaggio stesso), trascinerà, anzi sta aumentando come un fiume in piena, tutte le altre piume del sistema solare e si poserà e sgrotelerà le facce di pietra del sistema dei potenti, degli arroganti e degli sfruttatori per meri calcoli economici dell’intero sistema capitalista mondiale che se ne frega dell’umanità, degli animali e della natura. Oggi è la bella giornata di tuute piume.Ed ecco un nuovissimo incitamento: Piume di tutto il mondo volando unitevi.

Piume di tutto il mondo volando unitevi