Probabilmente la prima cosa che muore in un essere umano è l’anima, il corpo viene solo dopo anche se nasce disgiunto dall’anima. Se un essere umano è ridotto come un lastrico cosa mai potrà brillare, dirsi vita, sperare o nutrire l’anima? Sperare non è affatto una cosa volitiva, anche se umanissima, ma semmai corda d’impiccato. L’attesa e la speranza sono forse vita che si dispiega? Guarda, la vita si sfila. Con la speranza non si costruisce nulla. Per il momento le cose vanno così come fosse un quadro di confini in cui scrivi chiuso. L’anima è come la luna? No, è uno schermo scuro, dipende da ognuno darle vita o farne una teca. Chissà se l’anima ha un nome proprio per noi tutti. L’anima è come Dio, non riesci a vederla. L’anima è un invenzione ma neanche un terno al lotto: lì, se giochi, c’è il rischio che la prendi. L’anima si trucca sempre. Ci sono i colori che le combina a caso. C’è differenza tra l’anima dentro e quella che salta fuori quando le pare? “Sciocchezze”, si dirà. Nelle donne l’anima ha un nome di maschio e negli uomini invece l’anima ha un nome di femmina. Chissà perchè molto spesso il corpo della donna con il maschio ci rimette la vita: lì potrebbe intevenire l’anima. Forse la donna ha nostalgia del maschio dentro di sé e quando lo incontro nel mondo reale crolla tutto così l’anima muta e silente.

Quadri di Artemisia Gentileschi

Risultato immagini per quadri di donne eseguiti da donne"

Risultato immagini per quadri di donne eseguiti da donne"

Risultato immagini per quadri di donne eseguiti da donne"

Probabilmente la prima cosa che muore in un essere umano è l’anima, il corpo viene solo dopo anche se nasce disgiunto dall’anima. Se un essere umano è ridotto come un lastrico cosa mai potrà brillare, dirsi vita, sperare o nutrire l’anima? Sperare non è affatto una cosa volitiva, anche se umanissima, ma semmai corda d’impiccato. L’attesa e la speranza sono forse vita che si dispiega? Guarda, la vita si sfila. Con la speranza non si costruisce nulla. Per il momento le cose vanno così come fosse un quadro di confini in cui scrivi chiuso. L’anima è come la luna? No, è uno schermo scuro, dipende da ognuno darle vita o farne una teca. Chissà se l’anima ha un nome proprio per noi tutti. L’anima è come Dio, non riesci a vederla. L’anima è un invenzione ma neanche un terno al lotto: lì, se giochi, c’è il rischio che la prendi. L’anima si trucca sempre. Ci sono i colori che le combina a caso. C’è differenza tra l’anima dentro e quella che salta fuori quando le pare? “Sciocchezze”, si dirà. Nelle donne l’anima ha un nome di maschio e negli uomini invece l’anima ha un nome di femmina. Chissà perchè molto spesso il corpo della donna con il maschio ci rimette la vita: lì potrebbe intevenire l’anima. Forse la donna ha nostalgia del maschio dentro di sé e quando lo incontro nel mondo reale crolla tutto così l’anima muta e silente.

46 pensieri su “Probabilmente la prima cosa che muore in un essere umano è l’anima, il corpo viene solo dopo anche se nasce disgiunto dall’anima. Se un essere umano è ridotto come un lastrico cosa mai potrà brillare, dirsi vita, sperare o nutrire l’anima? Sperare non è affatto una cosa volitiva, anche se umanissima, ma semmai corda d’impiccato. L’attesa e la speranza sono forse vita che si dispiega? Guarda, la vita si sfila. Con la speranza non si costruisce nulla. Per il momento le cose vanno così come fosse un quadro di confini in cui scrivi chiuso. L’anima è come la luna? No, è uno schermo scuro, dipende da ognuno darle vita o farne una teca. Chissà se l’anima ha un nome proprio per noi tutti. L’anima è come Dio, non riesci a vederla. L’anima è un invenzione ma neanche un terno al lotto: lì, se giochi, c’è il rischio che la prendi. L’anima si trucca sempre. Ci sono i colori che le combina a caso. C’è differenza tra l’anima dentro e quella che salta fuori quando le pare? “Sciocchezze”, si dirà. Nelle donne l’anima ha un nome di maschio e negli uomini invece l’anima ha un nome di femmina. Chissà perchè molto spesso il corpo della donna con il maschio ci rimette la vita: lì potrebbe intevenire l’anima. Forse la donna ha nostalgia del maschio dentro di sé e quando lo incontro nel mondo reale crolla tutto così l’anima muta e silente.

  1. amarantamorgante ha detto:

    Indubbiamente la donna ha una visione ben precisa dell’uomo dentro di sé e si chiama Animus, e l’uomo ha una visione ben precisa della donna dentro di sé e si chiama Anima. Quando in un singolo individuo Anima e Animus collaborano e non si danno battaglia riescono a trovare quell’armonia che in fondo tutti ricercano…
    Post molto particolare il tuo Transit 🙂
    Sembra quasi un’introflessione di un dubbio esistenziale…

    "Mi piace"

      1. amarantamorgante ha detto:

        Se ti riferisci alla poesia Anima Multiforme sì, si parlava proprio della multiversalità dell’anima e dell’assenza di forma che fa essere multiforme, appunto, ma se mi ricordo bene già in qualche altra poesia ne parlai, magari in termini leggermente differenti…è senz’altro una tematica ricorrente foriera di profonde consapevolezze interiori 🙂

        "Mi piace"

      2. amarantamorgante ha detto:

        Fuori e dentro di noi, proprio così…e il viaggio è allo stesso tempo nutrimento dell’incontro e incontro per nutrire ❤

        "Mi piace"

      3. amarantamorgante ha detto:

        Esattamente, inoltre anche quel “cibo” industriale cibo non è nemmeno per il corpo…il cibo deve saper nutrire corpo anima e spirito insieme, ogni cibo vero ha un’anima, ogni frutto ha la sua energia che vivifica e quando viene ingerito nutre anche la nostra anima. Purtroppo spesso nelle scuole fin da piccoli non viene insegnata la via della nutrizione vera e propria, e ci si ripiega su ciò che “cibo” non è. Il nutrimento è altra tematica a me cara, tra le altre e ha significati pressoché infiniti e davvero magnifici ❤

        "Mi piace"

      4. amarantamorgante ha detto:

        E poi anche l’Amore è cibo, cibo sottile (nel senso di non grossolano o materiale) ma potentissimo, capace di guarire come fosse una panacea ❤

        "Mi piace"

      5. Il “destino” o il viaggio sia individuale che nostro e dell’amore è l’amore. L’amore è attreversaemto del mare e solo nel mare
        dei sentimenti possiamo orientarci. Tutto il resto sono teorie e nell’amore le teorie sbattono sempre la testa. Poi ad ognuno
        l’incontro e gli incontri con l’amore.

        Piace a 1 persona

      6. amarantamorgante ha detto:

        Eh caro Armando, proprio così…e proprio stasera all’amore e all’infinitezza del mare mi sono connessa ricordando uno splendido film ❤

        "Mi piace"

      7. L’ho capito quando sono poi venuto da te. è un film che volevo vedere ma che poi non ho mai visto. Cercherò di ovviare: tra colleghi di poesia e love è il minimo che si possa fare. Mi sono preso una doppia licenza poetica. E c’è un immagine di te e me che non vuole andare via. Interpreto una mia poesia davanti a te poi poso la mia testa, il mio viso sul tuo grembo. Chiaramente a fin di bene. Ah, ah, ah.

        Piace a 1 persona

      8. amarantamorgante ha detto:

        Si anche io cerco sempre il collegamento nell’oltre, oltre il visibile dello sguardo, e molti film sono meravigliosi proprio per questo, se vuoi te ne consiglio 🙂

        "Mi piace"

      9. amarantamorgante ha detto:

        Ogni Anima è perfetta per il proprio Animus 🙂 Anche la tua Anima è perfetta per il tuo Animus…solo che spesso l’uomo ha bisogno di trovarla all’esterno quell’Anima per poterla poi riverberare dentro di sé e quindi recuperarla nella propria Psiche 🙂 è il miracolo dell’incontro per eccellenza

        "Mi piace"

      10. amarantamorgante ha detto:

        Celeste e matematico…come diceva il saggio Pitagora ogni cosa è numero e il numero stesso è sacro, lo si ritrova in ogni cosa e l’Universo stesso è Geometricamente connesso al numero. Pensa ad esempio alla seziona aurea, che si ritrova ovunque in natura, o alla serie di Fibonacci e alle sue applicazioni. Nel numero vi si ritrova senza dubbio l’essenza di un linguaggio profondo e mistico che va ben oltre la semplice aritmetica

        "Mi piace"

      11. amarantamorgante ha detto:

        All’oscuro no, credo anzi che tu sia estremamente vicino alla comprensione di molti tuoi quesiti interiori esistenziali, che ti conducono ad interrogarti incessantemente ma essendo poeta e quindi avendo un animo estremamente sensibile sei dentro alle questioni e le percepisci non a livello prettamente razionale o intellettivo, bensì intuitivo, e nell’intuizione e nella ricerca si cela la Verità. Inoltre sei umile, che non è dote da poco, quindi quando qualcosa ti sfugge momentaneamente sei propenso all’apprendimento, e sai ascoltare, senza giudicare.

        "Mi piace"

      12. amarantamorgante ha detto:

        Sì, la dialettica per eccellenza e il tentativo stesso insito nella dualità di tendere all’unità, nel nome della complementarietà 🙂

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...