Mi chiamo Lelloccio e tengo sette anni e quando mi sfasterio di pazziare nel vicolo a pallone o al vento di terra o nel palazzo Sgarrupato del forno vado giù nello scantinato del palazzo stretto e mentre fumo una sicaretta che mi sono pigliato dalla tasca di mio fratello Gennarino, mi metto a parlare con Gesù. A volte lui è bambino altre volte lo vedo sulla croce con la faccia appesa perchè lui soffre, per noi. A me questo fatto poi mi scoccia assai perché c’è un sacco di gente che non puoi averci a che fare: sono egoisti e tengono la cazzimma. Adesso Totore e io ci troviamo imballati: lui in braccio a Maria o tutto nchiuvate sulla croce e io che non posso aiutarlo perché non tengo nè la bacchetta magica e nè ascendenza c’o Pataterno. E nemmeno una parola che dice: “Apriti Sesamo”. Poi lui appena finisce trentatrè anni deve morire perchè sta tutto appizzato sulla croce e i romani da bere non gli danno acqua ma aceto: “Uà, che cazzimma”. Mò se mi trovavo anch’io là non lo poteva aiutare perchè i romani in testa tengono l’elmetto come nei film di Ercole e Maciste e la spada e poi sono molto forti che anche i gladiatori devono pararsi la palla. Io parlo con Gesù perché lui fino ai trentatrè anni a casa dei suoi genitori stava bene, però sulla croce ha scoperto che il suo papà che lo ha generato non era don Peppe ‘o faligname ma Dio che stava in cielo. Allora Gesù è andato in crisi perchè tutta la giornata, ma anche la notte, non riusciva a prendere sonno, perché si faceva un sacco di domande che a un certo punto aveva male alla testa. Però, è sicuro che non era nè la sinusite nè la cervicale. Insomma, pure se Gesù aveva trentatrè anni e stava nchiuvate ncopp’a croce, nel senso che non se ne poteva andare o ribellarsi, il fatto che don Peppe stava là a soffrire e Dio invece nun se mpurtava niente di lui, gli faceva perdere ‘a pacienza. Così, non a caso, dopo un po’ di secula secularum, Toto disse:” Ogni limite ha una pazienza”, per queste parole sono venute dopo. Conitnua.

Arte Classica Poster #001 # cm 70x100 Roberto Ferruzzi La Madonna ...Crocifissione di Gesù - Wikipedia

Mi chiamo Lelloccio e tengo sette anni e quando mi sfasterio di pazziare nel vicolo a pallone o al vento di terra o nel palazzo Sgarrupato del forno vado giù nello scantinato del palazzo stretto e mentre fumo una sicaretta che mi sono pigliato dalla tasca di mio fratello Gennarino, mi metto a parlare con Gesù. A volte lui è bambino altre volte lo vedo sulla croce con la faccia appesa perchè lui soffre, per noi. A me questo fatto poi mi scoccia assai perché c’è un sacco di gente che non puoi averci a che fare: sono egoisti e tengono la cazzimma. Adesso Totore e io ci troviamo imballati: lui in braccio a Maria o tutto nchiuvate sulla croce e io che non posso aiutarlo perché non tengo nè la bacchetta magica e nè ascendenza c’o Pataterno. E nemmeno una parola che dice: “Apriti Sesamo”. Poi lui appena finisce trentatrè anni deve morire perchè sta tutto appizzato sulla croce e i romani da bere non gli danno lacqua ma l’aceto:”Uà, che cazzimma”. Mò se mi trovavo anch’io là non lo poteva aiutare perchè i romani in testa tengono l’elmetto come nei film di Ercole e Maciste e la spada e poi sono molto forti che anche i gladiatori devono pararsi la palla. Io parlo con Gesù perché lui fino ai trentatrè anni a casa dei suoi genitori stava bene, però sulla croce ha scoperto che il suo papà che lo ha generato non era don Peppe ‘o faligname ma Dio che stava in cielo. Allora Gesù è andato in crisi perchè tutta la giornata, ma anche la notte, non riusciva a prendere sonno, perché si faceva un sacco di domande che a un certo punto aveva male alla testa. Però, è sicuro che non era nè la sinusite nè la crvicale. Insomma, pure se Gesù aveva trentatrè anni e stava nchiuvate ncopp’a croce, nel senso che non se ne poteva andare o ribellarsi, il fatto che don Peppe stava là a soffrire e Dio invece nun se mpurtava niente di lui, gli faceva perdere ‘a pacienza. Così, non a caso, dopo un po’ di secula secularum, Toto disse:” Ogni limite ha una pazienza”, per queste parole sono venute dopo. Conitnua.

Mi chiamo Lelloccio e tengo sette anni e quando mi sfasterio di pazziare nel vicolo a pallone o al vento di terra o nel palazzo Sgarrupato del forno vado giù nello scantinato del palazzo stretto e mentre fumo una sicaretta che mi sono pigliato dalla tasca di mio fratello Gennarino, mi metto a parlare con Gesù. A volte lui è bambino altre volte lo vedo sulla croce con la faccia appesa perchè lui soffre, per noi. A me questo fatto poi mi scoccia assai perché c’è un sacco di gente che non puoi averci a che fare: sono egoisti e tengono la cazzimma. Adesso Totore e io ci troviamo imballati: lui in braccio a Maria o tutto nchiuvate sulla croce e io che non posso aiutarlo perché non tengo nè la bacchetta magica e nè ascendenza c’o Pataterno. E nemmeno una parola che dice: “Apriti Sesamo”. Poi lui appena finisce trentatrè anni deve morire perchè sta tutto appizzato sulla croce e i romani da bere non gli danno acqua ma aceto: “Uà, che cazzimma”. Mò se mi trovavo anch’io là non lo poteva aiutare perchè i romani in testa tengono l’elmetto come nei film di Ercole e Maciste e la spada e poi sono molto forti che anche i gladiatori devono pararsi la palla. Io parlo con Gesù perché lui fino ai trentatrè anni a casa dei suoi genitori stava bene, però sulla croce ha scoperto che il suo papà che lo ha generato non era don Peppe ‘o faligname ma Dio che stava in cielo. Allora Gesù è andato in crisi perchè tutta la giornata, ma anche la notte, non riusciva a prendere sonno, perché si faceva un sacco di domande che a un certo punto aveva male alla testa. Però, è sicuro che non era nè la sinusite nè la cervicale. Insomma, pure se Gesù aveva trentatrè anni e stava nchiuvate ncopp’a croce, nel senso che non se ne poteva andare o ribellarsi, il fatto che don Peppe stava là a soffrire e Dio invece nun se mpurtava niente di lui, gli faceva perdere ‘a pacienza. Così, non a caso, dopo un po’ di secula secularum, Toto disse:” Ogni limite ha una pazienza”, per queste parole sono venute dopo. Conitnua.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...