Carmè, ‘o saccio staje stanca. Ma p’a ggente d’e quartiere Carmela è ‘a figlia d’a Madonna. Pe vennere vaie giranno p’e viche ‘e Napule, ma po’ ‘a fatica, o cavero e ‘o sole forte t’avvenceno. Dint’e suonne te vene già ‘o desiderio ‘e ll’ammore; ammore p’a mamma e p’o pate. E ppo’ comme avesse vulute cunuscere sore e frate: chi sa addò campano e che vita fanno. Ma pure n’ata felicità le manca: chillo d’o nnammuratiello.

Una ragazza che vende tazzine e altri oggetti di ceramica si riposa in una strada di Napoli, verso il 1885.

 

 

Carmè, ‘o saccio staje stanca. Ma p’a ggente d’e quartiere Carmela è ‘a figlia d’a Madonna. Pe vennere vaie giranno p’e viche ‘e Napule, ma po’ ‘a fatica, o cavero e ‘o sole forte t’avvenceno. Dint’e suonne te vene già ‘o desiderio ‘e ll’ammore; ammore p’a mamma e p’o pate. E ppo’ comme avesse vulute cunuscere sore e frate: chi sa addò campano e che vita fanno. Ma pure n’ata felicità le manca: chillo d’o nnammuratiello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...