Dint”o stritto ‘e Munt’santo, quartiere Avvocata, addò ce sta ‘o spitale dei Pellegrini, nato nel 1578, tra ambulanze ca traseno e iesceno, nu via vai ‘e gente ca nun fernesce mai, nemmeno dinto ‘a nuttata. Nuttata ca pare nun fernesce mai, si nun fosse pe chella felicità quanno jesce ‘o sole. Nuttata ca s’annasconne a essa stessa e spera ca tutto passa. Ma cher’è ca nun è passato doppo ‘a nuttata. Forse resiste na margheritella selvatica tra ‘o muro scurtecato ‘e storia e na tubo ‘e scolo niro pe ll’ummerità.

Immagine

NapuleNeapolisNapoli staje ccà, eppure luntano. Ma chi s’i na guagniuncella ‘e quinnece anne ca adda capì le proprie responsabilità? accussì diceveno, fra di loro, Maria e Sofia parlanno ‘e Lucia.

Opera di Caravaggio, Cammenano pe dint”e viche dei Quartieri

Signurì, e v’aggio ditto trasite! Venite! Nun ve mettite paura. Songo na femmena dint”o scuro ‘e nu vascio. Site parecchi di voi. E comme putite vedè, stu vascio è piccirillo, fatto ‘e na stanza sulamente. Certo, ce sta pure ‘o mezzanino, però llà ncoppa quanno ce jate per durmì, avita cammenà abbuccato. ‘A capa nun ‘a putite aizà, o si no, ve ceccate. Jà, trasite, venite, ce astrignimmo e accussì ognuno trovo nu pusticiello, pure all’erta, pecchè sapite, ‘e segge ne songo appena cinche, però a cosa necessarie, pecchè ‘o vedo dint’o a ll’occhie vuoste è sapè, pe ce parlà cu ll’usemo(odore) ca ognuno ‘e nuje tenimmo dinto ‘e carne e dint”o core. Nuje stesse ca stammo ‘e case ccà, nun ce vedimmo e allora pe sapè cu chi tenimmo a che ffà, avimma addurà, avimma sentì ll’uosemo. E, vuje, avita sapè ca ll’uosemo, tene a che ffà cu ll’anema. E accussì ca se po’ capì ‘o core ‘e chi trasedinto a casa toja. E doppo, ma pure primma, ognuno ‘o curtiello ‘o uso o pe ammunà na mela annurca o te pugnalà annascusa pe quatte sorde ‘pe nu juorno ‘e cchiù di vita.

NapuleNeapolisNapoli staje ccà, eppure luntano. Ma chi s’i na guagniuncella ‘e quinnece anne ca adda capì le proprie responsabilità? accussì diceveno, fra di loro, Maria e Sofia parlanno ‘e Lucia.

A volte, e per mia fortuna o sfortuna, ammesso che tali categorie siano del tutto umane, mi capita di guardare le stelle, la luna, il mare morente, la sabbia infangata, le api morire a grappoli e l’uva rinsecchire al punto da stillare lacrime di veleno. O la nostalgia o la perdita di qualcosa, ancora di là da venire, sotto il cielo blu in cui non ci sono più tutte le stelle, ma incredibilmente, una soltanto. E addirittura, cosa trana, piange come una ragazza innamorata al primo amore umano, e nervosamente, qualcuno ridendo, aggiunge: “Ma è la pioggia, la pioggia che cade.”

Edward Hopper, stile, biografia, opere e citazioni.
Edward Hopper, il pittore della luce, dell'attesa, del silenzio (IV) - "Il  Grande Inquisitore"
il blog di nop: Quanto horror nei quadri di Hopper!

Opere di Edward Hopper

A volte, e per mia fortuna o sfortuna, ammesso che tali categorie siano del tutto umane, mi capita di guardare le stelle, la luna, il mare morente, la sabbia infangata, le api morire a grappoli e l’uva rinsecchire al punto da stillare lacrime di veleno. O la nostalgia o la perdita di qualcosa, ancora di là da venire, sotto il cielo blu in cui non ci sono più tutte le stelle, ma incredibilmente, una soltanto. E addirittura, cosa trana, piange come una ragazza innamorata al primo amore umano, e nervosamente, qualcuno ridendo, aggiunge: “Ma è la pioggia, la pioggia che cade.”

Ah!, signurì vuje site chille c’hanno scritto ‘o libbro cu ‘o giurnale la Repubblica, Napoli nessuna e centomila: venite, trasite, assetteteve e pigliammece na tazzulella ‘e cafè cu na presa d’annese, o ll’urgio ca è cchiù frisco p’a panza. Ca po’ a mme a canzona ‘e Pino Daniele Na tazzulella ‘e cafè nun m’è mai piaciuto. Avite scritto e parlato vuje, mò, senza offendere nisciuno, forse parlano ‘e vasule, ‘e pprete, ‘o custato apierto ‘e Giesù Cristo, figlio ‘e Ddio e nostro Salvatore, ‘a ggente dint”e vasce, ‘e palazze sgarrupate, ‘o vico ca allucca ma è senza voce comme ‘e muorte acciso dint”o campusanto ‘e Puceriale addo ce stanno i morti vivi ma tra gli uni e gli altri è rimasto l’odio ‘e chi spara pe s’accattà ati cummerce. E ce stanno pure ‘e facce sorridente ca aspettano solo ‘o mumento bbuono e doppo comme nu mariuolo o nu scippatore te straccia i vestiti di dosso. Quantu tiempo è passato? Che v’aggia dicere. Isso, ‘o tiempo, corre dinto ‘e strade, i viche, ‘e piazze, i fondaci, ‘e scantinate. Isso, ‘o tiempo, è na canzona, solo nu sentimento: mò ce sta e dopo scumpare. E a essa, nzieme a mme, ‘a può vedè dinto a na lenza ‘e sole, mentre ‘o tiempo cagne(cambia) e schezzechea e senza ca te ne accuorge, te truovo tutto nfuso.

I vicoli più belli di Napoli, un viaggio nei capillari della città -  Napolike | Turismo a Napoli
I Vicoli di Napoli - Tour Napoli

CONTINUA…

Ah!, signurì vuje site chille c’hanno scritto ‘o libbro cu ‘o giurnale la Repubblica, Napoli nessuna e centomila: venite, trasite, assetteteve e pigliammece na tazzulella ‘e cafè cu na presa d’annese, o ll’urgio ca è cchiù frisco p’a panza. Ca po’ a mme a canzona ‘e Pino Daniele Na tazzulella ‘e cafè nun m’è mai piaciuto. Avite scritto e parlato vuje, mò, senza offendere nisciuno, forse parlano ‘e vasule, ‘e pprete, ‘o custato apierto ‘e Giesù Cristo, figlio ‘e Ddio e nostro Salvatore, ‘a ggente dint”e vasce, ‘e palazze sgarrupate, ‘o vico ca allucca ma è senza voce comme ‘e muorte acciso dint”o campusanto ‘e Puceriale addo ce stanno i morti vivi ma tra gli uni e gli altri è rimasto l’odio ‘e chi spara pe s’accattà ati cummerce. E ce stanno pure ‘e facce sorridente ca aspettano solo ‘o mumento bbuono e doppo comme nu mariuolo o nu scippatore te straccia i vestiti di dosso. Quantu tiempo è passato? Che v’aggia dicere. Isso, ‘o tiempo, corre dinto ‘e strade, i viche, ‘e piazze, i fondaci, ‘e scantinate. Isso, ‘o tiempo, è na canzona, solo nu sentimento: mò ce sta e dopo scumpare. E a essa, nzieme a mme, ‘a può vedè dinto a na lenza ‘e sole, mentre ‘o tiempo cagne(cambia) e schezzechea e senza ca te ne accuorge, te truovo tutto nfuso.

Napoli nessuna e centomila. Qualcosa scritta da me stamattina p”o tiatro ‘e miez”a via. NapuleNapolisNapoli è na pruasa, na cessa e ‘a zoccola d’o Mediterraneo e anche tossicodipendenza d’o cuorpo, ‘e ll’anema e dello spirito. Ammesso ca sti ddoje cose esistono. Se ci vivi, dinto ‘a na jurnata, te ntuosseco sette vote come minimo e si te ne vaje e vivi luntano, te turmenta e nun te lascia in pace. Napule è na femmena dinto ‘o specchio d’a vita: mò è vecchia e senza denti e mò, dinto a na vutate d’uocchie, giovane: a na parte te nganna cu ‘a crianza d’e capille janche e ‘a chell’ata, te fotte cu ‘a bellezza d”e guaglione cu sorriri ‘e luce , cu ll’argiente vivo ncuollo e c”o ffuoco ‘e ll’ammore dinto ‘e vvene.

Le Catacombe di Napoli sotto il Rione Sanità | Catacombe, Napoli, Luoghi
Napoli - Wikiquote
l'antro celtico: Napoli Esoterica
Cosa vedere a Napoli in un giorno: un itinerario di 24 ore tra le sue  meraviglie

CONTINUA…

Napoli nessuna e centomila. Qualcosa scritta da me stamattina p”o tiatro ‘e miez”a via. NapuleNapolisNapoli è na pruasa, na cessa e ‘a zoccola d’o Mediterraneo e anche tossicodipendenza d’o cuorpo, ‘e ll’anema e dello spirito. Ammesso ca sti ddoje cose esistono. Se ci vivi, dinto ‘a na jurnata, te ntuosseco sette vote come minimo e si te ne vaje e vivi luntano, te turmenta e nun te lascia in pace. Napule è na femmena dinto ‘o specchio d’a vita: mò è vecchia e senza denti e mò, dinto a na vutate d’uocchie, giovane: a na parte te nganna cu ‘a crianza d’e capille janche e ‘a chell’ata, te fotte cu ‘a bellezza d”e guaglione cu sorriri ‘e luce , cu ll’argiente vivo ncuollo e c”o ffuoco ‘e ll’ammore dinto ‘e vvene.