Le solite due date della vita s’incontrano a distanza: una è di nascita, l’altra di morte. Ed eccoci nell’oscurità del cuore ignaro. L’amore è così: la mano, palmo aperto, cade in rovina, in quel così poco. E la carne posseduta dalle onde del sentimento, si autopunisce come in una scritta sepolta nei pensieri per non scordare mai, mai e poi mai. La morte cadeva d’a collina comme ‘a neve dinto a nu vierno friddo e maje visto.

Le solite due date della vita s’incontrano a distanza: una è di nascita, l’altra di morte. Ed eccoci nell’oscurità del cuore ignaro. L’amore è così: la mano, palmo aperto, cade in rovina, in quel così poco. E la carne posseduta dalle onde del sentimento, si autopunisce come in una scritta sepolta nei pensieri per non scordare mai, mai e poi mai. La morte cadeva d’a collina comme ‘a neve dinto a nu vierno friddo e maje visto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...