E così il cane nelle viscere dell’umanità si addormentò.

Andew Wyeth

Find more Andrew Wyeth Professionally Framed/matted Print "master Bedroom"  Lab Dog On Bed for sale at up to 90% off

Restammo muti quando sopraggiunse la tempesta. Il cielo diventò nero come la terra. Ogni bagliore di luce sparve. Il cane impaurito si rannicchiato nel fondo della tana. Forse fu un errore. L’acqua iniziò a coprire i punti più alti. Gli faceva compagnia il respiro e la paura, chiuse gli occhi ma senza guaire. E così il cane nelle viscere dell’umanità si addormentò.

E così il cane nelle viscere dell’umanità si addormentò.

Seppi solo due anni dopo dai giornali quale era il vero mestiere esercitato da Fefè detto Mulletta ‘e Campusanto

Stefano Di Stasio

Stefano Di Stasio | Dipinti, Opera

“S’intende – pensò Ciro Atri -, non l’altezza fisica ma quella morale o di lusinga, più d’una volta mi ha salvata come fosse una inespugnabile fortezza. Ma può bastare poco a farla crollare con un colpo di pistola alla testa, una coltellata al cuore, un appostamento notturno con relativa sparizione del cadavere o con una dose mortale di veleno, ma quest’ultima è una soluzione che si usa al chiuso ed è poco spettacolare. E così anche quella volta che andai a casa di Fefè Mollletta, così sentìì chiamarlo per le scale, ma di cui seppi il vero mestiere solo qualche anno dopo: killer di camorra. Bussai e aprì la porta, una bella ragazza dagli occhi verdi e che due bambini chiamarono mammà.

“Buongiorno”.

” Buongiorno”.

Il saluto fu reciproco, anche sei lei apparve timida e dagli occhi sfuggenti.

“Signora, devo dirvi che vostro figlio, il più grandicello dei tre deve togliersi il vizio di mettere le mani addosso a mia figlia quando sono giù in cortile a giocare”.

“Mi state dicenno ca l’aggia vattere, è accussì?” disse con un tono annoiaTO ma più forte.

“No, ve stongo solo ricenno ca vostro figlio nun adda vattere mia figlia. Già è a terza vota ca ‘o ffà”.

“Ma site sicuro?”

“‘O ciento pe ciento, basta ca scinnite abbascio ‘o curtile”.

“Chillo nun me stà a sentì e nun tengo ‘o tiempo. Allora ce lo dico ‘o pate”.

“Eh ssi, accussi almeno ‘o fa na bella cazziata”.

“Arrivederci!”

“Arrivederci”.

Seppi solo due anni dopo dai giornali quale era il vero mestiere esercitato da Fefè detto Mulletta ‘e Campusanto

Ritorni nel vento e nei raggi di sole come un’ossessione. Vera o falsa? Resta il fatto che ancora mi tormenti, senza sapere dove sei e con chi. Intanto bruci, bruci la mia pelle, il cuore, l’anima che assurdamente insensata si fa ancora carne.

Andrew Wyeth

Mary Blair's: wyeth vs. wyeth

Ritorni nel vento e nei raggi di sole come un’ossessione. Vera o falsa? Resta il fatto che ancora mi tormenti, senza sapere dove sei e con chi. Intanto bruci, bruci la mia pelle, il cuore, l’anima che assurdamente insensata si fa ancora carne.

La duplice bellezza(nfame e ingannatrice) ‘e Napule ca comme nu cane ‘e presa le scenne sempe ‘a bava ‘a vocca: ‘o mare e ‘a carne.

Pompei, Italia, Napoli, Antichità
Pompei, Napoli, Patrimonio Mondiale Dell'Unesco
Zona, Italia, Tempi Antichi, Napoli

“Guarda laggiù – disse don Mimì il Carabonaio – al guagliunciello del vicolo del centro storico dalla cui salita si vedeva la una fetta di distesa azzurra.

Gli occhi sorridevano a quello splendore nitido che si congiunceva al cielo. Come due bambini o adolescenti o giovani o adulti che si abbracciavano.

‘O vide quanto è bello? ma te stà sempe attiento. Pure quanno è calmo”.

“Ma a me nun me fa paura. Abbascio a Zi’ Tresa i furastieri vottenno le cento lire a mare e io e ll’ati guaglinciello d’o vico ce tuffammo nfunno”.

“Ce sta n’atu mare pe dinto ‘e viche e vicariello e dint’e vasci: ‘o mare d’a carne umana. ‘A carne astipata ncoppo ‘e lietto, mmiscate dinto ‘e case”.

“Cunosco bbuono pure a chisto mare ‘e carne: sono nu piezzo ‘e chestu mare fatto ‘e carne umana”.

Continua/

La duplice bellezza(nfame e ingannatrice) ‘e Napule ca comme nu cane ‘e presa le scenne sempe ‘a bava ‘a vocca: ‘o mare e ‘a carne.

Poetesse di ombre, luce e lune. Pari a stratificazioni geologiche e sacche di tumulti.

Louis Ginnett

The white glove by Louis Ginnett on artnet

Prospettiva
Si sono incrociati come estranei,
senza un gesto o una parola,
lei diretta al negozio,
lui alla sua auto.

Forse smarriti
O distratti
O immemori
Di essersi, per un breve attimo,
amati per sempre.

D’altronde nessuna garanzia
Che fossero loro.
Sì, forse, da lontano,
ma da vicino niente affatto.

Li ho visti dalla finestra
E chi guarda dall’alto
Sbaglia più facilmente.

Lei è sparita dietro la porta a vetri,
lui si è messo al volante
ed è partito in fretta.
Cioè, come se nulla fosse accaduto,
anche se è accaduto.

E io, solo per un istante
Certa di quel che ho visto,
cerco di persuadere Voi, Lettori,
con brevi versi occasionali
quanto triste è stato.

Wislawa Szymborska

Da “Cielo”

Addosso al viso mi cadono le notti
e anche i giorni mi cadono sul viso.
Io li vedo come si accavallano
formando geografie disordinate:
il loro peso non è sempre uguale,
a volte cadono dall’alto e fanno buche,
altre volte si appoggiano soltanto
lasciando un ricordo un po’ in penombra.
Geometra perito io li misuro
li conto e li divido
in anni e stagioni, in mesi e settimane.
Ma veramente aspetto
in segretezza di distrarmi
nella confusione perdere i calcoli,
uscire di prigione
ricevere la grazia di una nuova faccia.

Patrizia Cavalli

La speranza

La speranza è un essere piumato

che si posa sull’anima,

canta melodie senza parole

e non finisce mai

La brezza ne diffonde l’armonia,

e solo una tempesta violentissima

potrebbe sconcertare l’uccellino

che ha consolato tanti.

L’ho ascoltato nella terra fredda

e i sui più strani mari.

Eppure neanche nella necessità

ha chiesto mai una briciola – a me.





.

.

Poetesse di ombre, luce e lune. Pari a stratificazioni geologiche e sacche di tumulti.