Le parole che non trovi nel secchio e nel sacco e nel pozzo. Insomma tutte le parole che passano tra la pelle, l’organo più esteso del corpo umano, più che altro fatto di batteri, il cervello quale intrico di circuito e il cuore, muscolo sempre presente ma in fuga permanente.

Che sbadato, sono maldestro e non trovo le parole. Le cerco nel secchio e nel sacco e nel pozzo dentro di noi e anche nei sogni ad occhi aperti, ma niente. O forse sono lì e non sono bravo e per nulla accorto a metterle insieme. Ed è così che muore un amore nuovo di zecca ma è anche così che nasce un fiore: quello che tende per un qualunque motivo al nero, alla tristezza e perciò all’addio. Ecco, cosa succede quando non trovi le parole con le mani e la vista.

Certo, è vero: non ti conosco e tu non conosci me, però, posso dirti, anche se adesso è il cuore che parla perché ha trovato quel che cercava, che già manchi ai miei occhi, alle mie labbra che cercano le tue mani per due carezze lievi, sfiorarle e poi baciarle. E poi ci si mette pure quella musica, quella canzone che sta lì a portarmi da te. E i tuoi occhi e la tua bocca sono nell’aria, nel pensiero, nel desiderio che brucia. Per fortuna brucia tutto dentro.

Pneumonoultramicroscopicsilicovolcanoconiosis

Le parole che non trovi nel secchio e nel sacco e nel pozzo. Insomma tutte le parole che passano tra la pelle, l’organo più esteso del corpo umano, più che altro fatto di batteri, il cervello quale intrico di circuito e il cuore, muscolo sempre presente ma in fuga permanente.

“Era Natale e fecette na cosa che non avevo mai fatto”, disse Peppino a Maria. “Che staie dicenno, che faciste?” chiese impaziente Maria. “Niente, chella vota me facette anema e curaggio e chiammaie ‘o Pataterno e visto ca nun rispunnevo, zenneiaie pure a Gesù nfaccia a croce, ma forse tenevano che ffà e nun me rispunnetteno e accussì lassaie perdere. ‘A Maronna nun’a chiammaie pecché si na mamma nun te po’ aiutà, essa p’o dispiacere chiagne. E io nun vuleva c”a Maronna suffreva n’ata vota pure pe mme. E accussì, liggiero liggiero ‘a vasaie ‘e mmane e ‘a fronte. E me paretto ca pur’essa chiagneva … ma erano ‘e llacreme mie ca me facevano vedè na cosa pe n’ata. E accussì, pure senza magnà, m’addurmette pe nu sacco ‘e tiempo o forse pe sempe. Maria e tu nzieme a mme.

“Era Natale e fecette na cosa che non avevo mai fatto”, disse Peppino a Maria. “Che staie dicenno, che faciste?” chiese impaziente Maria. “Niente, chella vota me facette anema e curaggio e chiammaie ‘o Pataterno e visto ca nun rispunnevo, zenneiaie pure a Gesù nfaccia a croce, ma forse tenevano che ffà e nun me rispunnetteno e accussì lassaie perdere. ‘A Maronna nun’a chiammaie pecché si na mamma nun te po’ aiutà, essa p’o dispiacere chiagne. E io nun vuleva c”a Maronna suffreva n’ata vota pure pe mme. E accussì, liggiero liggiero ‘a vasaie ‘e mmane e ‘a fronte. E me paretto ca pur’essa chiagneva … ma erano ‘e llacreme mie ca me facevano vedè na cosa pe n’ata. E accussì, pure senza magnà, m’addurmette pe nu sacco ‘e tiempo o forse pe sempe. Maria e tu nzieme a mme.

Poesia di Totò “Si fosse n’auciello” e ati canzone napulitane addò a parlà è sulamente ll’anema.

 

Scrivere è comm”o volo e ‘o canto ‘e ll’auciello.

Felice canta p’ammore e triste pe disperazione.

L’auciello scrive dint’a ll’aria cu ‘o volo p’a vita.

Uno d’e mutivo ca m’hanno convinto a scrivere

stu libbro è stata ‘a violenza e ‘a morte quanno

ogni matina esco d’o nido e spicco ‘o volo ncielo.

Eppure tutt’e cose ‘e stu munno parlano d’a vita.

E gli sforzi, ‘a fatica e ‘a pucundria ca ncatenano.

‘A morte accumpara ‘a tutte parte: è onnipresente.

E ‘o core accussì piccirillo nun ‘a fernesce ‘e vulà.

E’ accussì che isso cumbatte p’a vita e p’ammore.

Poesia di Totò “Si fosse n’auciello” e ati canzone napulitane addò a parlà è sulamente ll’anema.

Avrò pure gli occhi a palla ma sono bello, anzi, bellissimo. E col naso spugnoso e umido sono ancora più affascinante. E poi, ogni scarrafone è bello a mamma soja. Le cagnoline già vanno pazze per me e mi regalano un sacco di croccantini, però, non per criticare, ma gradirei di più ossi e pezzi di carne, anche se la Dott. Angela Datti non vuole. Dice che i croccantini hanno tutto ciò che mi occorre. Eh, però a me piace un sacco mordere e addentare. Oh, che tempi.

  Dog Face Memes Dog Face Meme 09.15.2019 - #Dog #Face #Meme #Memes

Avrò pure gli occhi a palla ma sono bello, anzi, bellissimo. E col naso spugnoso e umido sono ancora più affascinante. E poi, ogni scarrafone è bello a mamma soja. Le cagnoline già vanno pazze per me e mi regalano un sacco di croccantini, però, non per criticare, ma gradirei di più ossi e pezzi di carne, anche se la Dott. Angela Datti non vuole. Dice che i croccantini hanno tutto ciò che mi occorre. Eh, però a me piace un sacco mordere e addentare. Oh, che tempi.

Ah! Si, sicuro, da te non mi faccio fregare: sono così disperato che non c’è nulla da potermi sottrarre. Ah! ah! ah! di cosa parlo? ma del nostro presunto, disperato amore sempre lì a frequentare le nuvole.

Quadri di Felice Casorati

Risultato immagini per opere di felice casorati"Risultato immagini per opere di felice casorati"Risultato immagini per opere di felice casorati"

Ah! Si, sicuro, da te non mi faccio fregare: sono così disperato che non c’è nulla da potermi sottrarre. Ah! ah! ah! di cosa parlo? ma del nostro presunto, disperato amore sempre lì a frequentare le nuvole.

Idillio

Quadri di Andrew Wyeth

Risultato immagini per i quadri di Andrew Wyeth"Risultato immagini per i quadri di Andrew WyethRisultato immagini per i quadri di Andrew Wyeth"Risultato immagini per i quadri di Andrew Wyeth

Qui tutto è silenzio, qui mi sento bene,

i pascoli sono freschi e puri

e le chiazze d’ombre e di sole

vanno d’accordo come bambini giudiziosi.

Qui si libera la mia vita

fatta d’intrensa nostalgia,

non so più cosa sia la nostalgia,

qui si libera il mio volere.

Una commozione silenziosa mi prende,

linee attraversano i sensi,

non so, tutto è intrico

e tutto è contraddetto.

Non odo più lamenti

e tuttavia ci sono nell’aria lamenti

lievi, candidi, come in sogno

e di nuovo non capisco più nulla.

So solo che qui tutto è silenzio,

niente più assilli e costrinzioni,

qui mi sento e posso stare in pace

poiché nessun tempo mi misura il tempo.

 

Robert Walser

 

Idillio