Due corpi, due nomi, anzi quattro, no cinque … sei … i corpi oltraggiati di Giulio, Vittorio, Peppino, Federico, Stefano, Pier Paolo …

Immagine correlataRisultati immagini per uccisioni barbare di animaliRisultati immagini per quadri i corpi oltraggiati e profanati nei quadriRisultati immagini per uccisioni barbare di animaliRisultati immagini per i lupiImmagine correlataRisultati immagini per uccisioni barbare di animaliImmagine correlataRisultati immagini per uccisioni barbare di animaliRisultati immagini per foto di vittorio arrigoniImmagine correlataPasolini mortoRisultati immagini per uccisioni barbare di animali

Risultati immagini per uccisioni barbare di animaliImmagine correlata

Risultati immagini per uccisioni barbare di animali

Il corpo di Giulio: solo il nome, in maniera amichevole, come tra amici di vecchia data. Il corpo di Giulio Regeni, pronunciato per intero, per tutti, addirittura anche per i genitori di Giulio Regeni. Il cui nome e cognome di Giulio Regeni varca i tutti confini del mondo. Il corpo di Giulio … Il corpo … ma giungono alla mente e nei pensieri corpi di altri corpi: quello, il corpo, di Pier Paolo Pasolini ucciso così brutalmente, ma non certo da uno, perché se era quell’uno, lo avrebbe ammazzato con una botta in testa, una coltellata o con un colpo di pistola; invece, si è infierito in una maniera da essere un assassinio per inviare tanti segnali, per, depistati: e forse, il messaggio principale è stato, depistare. E poi si fa avanti Peppino Impastato che si è autoucciso con una modalità, a detta di chi sopraggiunse in divisa sul luogo dell’assassinio, non solo ridicola ma offensiva.  Poi, Vittorio Arrigoni e Stefano Cucchi e ……. riempito talmente di botte dai poliziotti di una volante durante la notte da rompere addosso all’energumeno i manganelli. Che forza. Corpi: nomi e cognomi uccisi co ferocia e barbarie, da uomini al servizio del Potere.

Due corpi, due nomi, anzi quattro, no cinque … sei … i corpi oltraggiati di Giulio, Vittorio, Peppino, Federico, Stefano, Pier Paolo …

Ritratti. ‘O prevetariello

Risultati immagini per i quadri di vincenzo Gemito

‘O prevetariello cu ‘o cappiello e a tunechella ner’. Si chiamm’ Peppino Esposito, sarebbe a dicer’ ‘o figlio d’a Madonna o, ma nun se po’ dicere, ‘e ‘nisciuno; cioè, ca nun tene né mamma né pate. O, per essere più precisi, probabilmente tiene tutti e due, ma nun se sape chi sono e dove stanno. Il fatto è che Peppino subito dopo che mamma sua lo mise al mondo, lo abbandonò nella ruota dell’ospedale ubicato tra Forcella e il Rettifilo.  Forse ‘a mamma ‘e Peppino è ‘na femmena dell’alta società che non vuole né uno scandalo né ferire suo marito. O forse era il papà che ha messo incinta ‘na cammerera ‘e famiglia e ppo’, di nascosto della moglie, le ha detto: – Tieni questi soldi, abortisci e non farti vedere mai più. Sei pericolosa con il tuo attaccamento. Ho moglie e figli. E una reputazione. – La mamma di Peppino, forse, è una guagliuncella e ha tenuto nascosta la gravidanza alla famiglia e dopo il parto, aiutata dalla mammana donna Vincenza ha portato il bambino alla ruota Dell’Annunziata. Peppino crescendo è passato dall’orfanotrofio ad un collegio religioso. E poi si è da prevetariello è diventato prete E adesso all’oratorio è riconosciuto come don Peppino Esposito, e ci sono vari ragazzi che, sottovoce lo chiamano: ‘o figlio d’a Madonna. Si dice che forse don Peppino d’a Madonna ha conosciuto la vera mamma. E che non ha avuto né il coraggio né la compassione di perdonarla. Però quando don Peppino è morto e quel giorno ha compiuto 85 anni ha detto: – Chiamate tutti i miei figli.- E hanno detto che i ragazzi dell’oratorio erano lì attorno al suo letto, li chiamava coi loro nomi, a uno a uno senza dimenticare nessuno e prima di finire nel sonno senza ritorno, ha detto: – Mamma, perdonami, è terribile vivere senza genitori, così come nascondersi nell’oscurità alla propria carne. Ho Dio come padre anche se non ho mai pronunciato la parola papà… e i ragazzi dell’oratorio come figli. –

Ritratti. ‘O prevetariello