Mi vergogno a dirlo, figuriamoci poi a scriverlo, ma Lello, quel figlio di una cagna, del mio … cane, tra l’altro credo che dalle solite informazioni reperibili stando in ascolto, che lei, la madre, la spitz, dalle mammelle generose e poi avvizzite, sia anche morta per le continue gravidanze a cui era sottoposta, anche tra consanguinei, il che significa malattie. Comunque volevo dire che domenica mattina sono andato al bosco di Capodimonte a correre … e la cosa tra viali e vialetti proseguivano molto bene. Mentre ero quasi alla fine della corsa, mi è venuto da pensare a Lello o forse è stato lui a farsi pensare, comunque fatto sta che ci siamo incontrati … però, più che altro, eravamo vicini e ci guardavamo come lui faceva a casa … e non mi ha dato nessun morso … eppure nell’ombra dei viali in cui ero protetto anche dagli occhiali ho pianto … per colpa sua e per mia fortuna nessuno ha sentito che quasi singhiozzavo … perchè quando lui è andato via per sempre gli tenevo la zampa dove aveva infilato l’ago … che di lì a poco, dopo averlo addormentato, lo ha portato all’eutanasia … gli carezzavo la testa e l’ho baciavo e lentamente mi ha guardato e mi ha detto Addio con la lingua sulla mano e addirittura ha pianto … un cane che piange è più ridicolo di un uomo che piange nel bosco il suo cane spitz.

Spitz Tedesco - Il Carattere | Allevamento Bubi - Cuccioli di cane
Immagine

Il bacio è na cerasa che sul limitare delle labbra e l’aderenza alla lingua soave rientra nei sogni belli. Baci composti di voli e archi carnali, assetati ‘a sciogliere ‘o sangue a fronte anche solo col pensiero i mesi e i giorni trattenendo a distanza il desiderio ca pure san Gennarino ride, e dice: “Pure si nun ce cridite, nu vaso scioglie ‘o sanghe dint”e vvene.” E scenne ‘o ncielo nterra semmenato ‘e resate ll’umanità ca se ne gghiuta pe nu sciuscio, na fesserie ‘e cafè. Ma per furtuna nosta s’accummence addò è fernuta: dduje uocchie ‘e luce, ‘a vocca toja, na vrancata ‘e cerase comme i baci d’a natura ca te puorte p”a città sott”a gonna sapenno ca ll’uommene te guardano. Ma so’ ‘e penziero tuje ca corrono cchiù nfunno d’o cielo.

8 incredibili ritratti in Bianco e Nero per ispirare i tuoi scatti
Roberto Girardi - Foto | Facebook
Roberto Girardi (robgiro) - Profilo | Pinterest
Roberto Girardi (robgiro) - Profilo | Pinterest
Roberto Girardi

Immagine