L’omicida di turno ha accisa ancora n’ata femmena: giovane o quarantenne o cinquantenne nun conta: è sempe ‘a stessa; cambia solo ll’età, ‘a faccia, ‘e paure, ‘e speranze, ‘o cuorpo accurtullate e chin”e sanghe; ma, è sempe ‘a stessa: nun conta si era secca o in carne, si teneva e capille nire, russo o bionde; è semp”essa: a femmena, l’aniello ‘e carne cchiù sfruttato, offeso, maltrattata, violentata, brutalizzata, accisa. Ylenia ca forse na vota si chiammava Carmela Rusinella Filomena Nanninella e ca steve ‘e casa dint”a nu vascio e ca mò nun ce sta cchiù. E’ stata accisa e po’ bruciata ‘a n’ommo ca ha avuto ‘o testimonio d’a continuazione d’a violenza e ll’assassinio da quello con cui stava prima. Violento ‘o primmo ca ll’abbuffava ‘e mazzate e ‘o sicondo: ‘o boia ca l’ha cundannata a murì. Si tenite nu sciore e ddoje lacreme purtatele dint” core; si ce tenimmo ‘o bene sincero e ll’ammore overo, processamme ll’ommo proprietario, favezo e nfamone ca sta dint’a nuje maschi cresciuti dell’ipocrisia di rapporti malati e sbagliati. Ma forse sono le mamme ad allevarci male? E poi mettici pure loro le canzoni di storie dell’amore sentimentali? E ppo’ è overo ca ll’ammore dura pe sempe? E na femmena è na proprietà comme nu vestito, nu chilo ‘e carne, na casarella, l’incapacità ‘e n’ommo di crescere con le proprie forze?

Ylenia Lombardo trovata morta semi carbonizzata a San Paolo Belsito - la  Repubblica
Il basso in cui viveva Ylenia di anni 33 trovata uccisa a calci e pugni e semicarbonizzata a San Paolo Belsito a Napoli.

L’omicida di turno ha accisa ancora n’ata femmena: giovane o quarantenne o cinquantenne nun conta: è sempe ‘a stessa; cambia solo ll’età, ‘a faccia, ‘e paure, ‘e speranze, ‘o cuorpo accurtullate e chin”e sanghe; ma, è sempe ‘a stessa: nun conta si era secca o in carne, si teneva e capille nire, russo o bionde; è semp”essa: a femmena, l’aniello ‘e carne cchiù sfruttato, offeso, maltrattata, violentata, brutalizzata, accisa. Ylenia ca forse na vota si chiammava Carmela Rusinella Filomena Nanninella e ca steve ‘e casa dint”a nu vascio e ca mò nun ce sta cchiù. E’ stata accisa e po’ bruciata ‘a n’ommo ca ha avuto ‘o testimonio d’a continuazione d’a violenza e ll’assassinio da quello con cui stava prima. Violento ‘o primmo ca ll’abbuffava ‘e mazzate e ‘o sicondo: ‘o boia ca l’ha cundannata a murì. Si tenite nu sciore e ddoje lacreme purtatele dint” core; si ce tenimmo ‘o bene sincero e ll’ammore overo, processamme ll’ommo proprietario, favezo e nfamone ca sta dint’a nuje maschi cresciuti dell’ipocrisia di rapporti malati e sbagliati. Ma forse sono le mamme ad allevarci male? E poi mettici pure loro le canzoni di storie dell’amore sentimentali? E ppo’ è overo ca ll’ammore dura pe sempe? E na femmena è na proprietà comme nu vestito, nu chilo ‘e carne, na casarella, l’incapacità ‘e n’ommo di crescere con le proprie forze?

Le solite due date della vita s’incontrano a distanza: una è di nascita, l’altra di morte. Ed eccoci nell’oscurità del cuore ignaro. L’amore è così: la mano, palmo aperto, cade in rovina, in quel così poco. E la carne posseduta dalle onde del sentimento, si autopunisce come in una scritta sepolta nei pensieri per non scordare mai, mai e poi mai. La morte cadeva d’a collina comme ‘a neve dinto a nu vierno friddo e maje visto.

Le solite due date della vita s’incontrano a distanza: una è di nascita, l’altra di morte. Ed eccoci nell’oscurità del cuore ignaro. L’amore è così: la mano, palmo aperto, cade in rovina, in quel così poco. E la carne posseduta dalle onde del sentimento, si autopunisce come in una scritta sepolta nei pensieri per non scordare mai, mai e poi mai. La morte cadeva d’a collina comme ‘a neve dinto a nu vierno friddo e maje visto.

“La vita era semplice, non sbarazzarsi della nostalgia”, titola l’amico fotografo Lucas Dewaele. E a mia volta gli ho risposto: “L’eccezionalità di una foto è andare oltre l’inquadratura.” E lui ha commentato: “Domani insegnerò – per la prima volta- all’Accademia di Menen, una piccola città di confine, dove la corruzione è penetrata in ogni angolo della società. Porto con me le tue parole: ‘L’eccezionalità di una foto è andare oltre l’inquadratura’. Queste si riferiscono a molto di più della fotografia. “Mamma mia, che onore grande. Da un lato mi fa assai piacere e dall’altro mi metto scuorno, mi vergogno di stupore, in senso buono”, ho risposto.

Fotografie di Lucas Dewaele

“La vita era semplice, non sbarazzarsi della nostalgia”, titola l’amico fotografo Lucas Dewaele. E a mia volta gli ho risposto: “L’eccezionalità di una foto è andare oltre l’inquadratura.” E lui ha commentato: “Domani insegnerò – per la prima volta- all’Accademia di Menen, una piccola città di confine, dove la corruzione è penetrata in ogni angolo della società. Porto con me le tue parole: ‘L’eccezionalità di una foto è andare oltre l’inquadratura’. Queste si riferiscono a molto di più della fotografia. “Mamma mia, che onore grande. Da un lato mi fa assai piacere e dall’altro mi metto scuorno, mi vergogno di stupore, in senso buono”, ho risposto.

Immagini dedicate a Lucas Dewaele dalla cappella di Sansevero a Spaccanapoli: la strada che taglia la città che parte dalla salita di Pasquale Scura fino ai Tribunali che confinano con Forcella che dista poco dal Duomo e la Stazione Centrale che qui chiamiamo la Ferrovia

SPACCANAPOLI: COSA VEDERE - Artes
Visitare il Cristo Velato a Napoli tra fede, scienza e alchimia
Il mistero del Cristo Velato... - Napoli nei particolari | Facebook
Museo Cappella Sansevero da record: 665 mila visitatori nel 2018 - Charme
Incantata da un Cristo velato nella cappella Sansevero, nel cuore di Napoli
Il mistero del Principe di Sansevero e del Cristo Velato | Napoli | The  Sooper

Immagini dedicate a Lucas Dewaele dalla cappella di Sansevero a Spaccanapoli: la strada che taglia la città che parte dalla salita di Pasquale Scura fino ai Tribunali che confinano con Forcella che dista poco dal Duomo e la Stazione Centrale che qui chiamiamo la Ferrovia

Riflessioni di scatti immortali nel tempo. Il passaggio da fotografie da immagini a visioni. Il passato, la memoria, i ricordi sono il percorso tra le cellule, immagini e visioni. A distanza di tempo le immagini sono visioni più che immagini impresse da uno scatto fotografico … di una macchina munita di occhi speciali o di quei momenti.

Riflessioni di scatti immortali nel tempo. Il passaggio da fotografie da immagini a visioni. Il passato, la memoria, i ricordi sono il percorso tra le cellule, immagini e visioni. A distanza di tempo le immagini sono visioni più che immagini impresse da uno scatto fotografico … di una macchina munita di occhi speciali o di quei momenti.

In verità anche a me fanno male tali immagini così tante altre dello stessa pratica eroica. Così grande, così fiero di sè, così nobile, fino alla morte. Nella polvere del proprio sangue. Forse è una morte di anni fa: o di ieri; o di un’ora; o di un minuto; o come di secoli fa la carne, la lingua di fuori, l’aria che esala dal petto l’anima animale.

Torero ucciso dal toro, le immagini dell'incornata fatale - Corriere.it
LA CORRIDA
In verità anche a me fanno male tali immagini così tante altre dello stessa pratica eroica. Così grande, così fiero di sè, così nobile, fino alla morte. Nella polvere del proprio sangue. Forse è una morte di anni fa: o di ieri; o di un’ora; o di un minuto; o come di secoli fa la carne, la lingua di fuori, l’aria che esala dal petto l’anima animale.

Gennarino Cacciapuoti detto ‘o Mericano perchè da piccolo era andato per tre mesi negli Stati Uniti, sia all’asilo, nel vicolo, alle elementari e alle medie, ma pure dopo, allo spuntare d’o sole e d’a luna, si innamorava continuamente. E lui ne rideva, anche se a volte aveva acchiappato i pali negli occhi. Però, diceva che ll’ammore arrepezza e sana ogni ferite più quelle che infligge la vita. Certo, si soffre quanno pe ‘na storia cala ‘o scuro, ma è bello ‘o stesso, pecchè ‘o mbriacamiento ‘e ll’ammore, aiuta e spinge ad andare avanti. E nun ce sta motore naturale cchiù semplice e potente ‘e stu sentimento. E quando sparisce dall’orizzonte, anche stando in vita, si è albero spoglio, scoglio senza onde, sole spento, luna senza argenta notturna luce.

Gennarino Cacciapuoti detto ‘o Mericano perchè da piccolo era andato per tre mesi negli Stati Uniti, sia all’asilo, nel vicolo, alle elementari e alle medie, ma pure dopo, allo spuntare d’o sole e d’a luna, si innamorava continuamente. E lui ne rideva, anche se a volte aveva acchiappato i pali negli occhi. Però, diceva che ll’ammore arrepezza e sana ogni ferite più quelle che infligge la vita. Certo, si soffre quanno pe ‘na storia cala ‘o scuro, ma è bello ‘o stesso, pecchè ‘o mbriacamiento ‘e ll’ammore, aiuta e spinge ad andare avanti. E nun ce sta motore naturale cchiù semplice e potente ‘e stu sentimento. E quando sparisce dall’orizzonte, anche stando in vita, si è albero spoglio, scoglio senza onde, sole spento, luna senza argenta notturna luce.